Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

11 NOVEMBRE: SIGNIFICATO NUMEROLOGICO DELLA DATA E DELL’ESTATE DI SAN MARTINO – IL SANTO DEI VIANDANTI

| 0 commenti

img_0308
 
Perché l’11 novembre è chiamato anche il giorno dell’estate di San Martino? Rivolgiamoci, come sempre, al mondo “invisibile” in cui i miti prendono forma, sostanza e vita, e lasciamoci ispirare da una bella leggenda a riguardo, legata per l’appunto alla vita del Santo.
“Un giorno d`autunno, l’11 novembre probabilmente, mentre usciva a cavallo da una delle porte della città francese di Amiens, dove viveva, vide un povero, mezzo nudo e tremante per il freddo. Martino si impietosì e sguainò la spada, tagliò il suo bel mantello di lana e ne diede la metà al povero. Immediatamente il sole si mise a scaldare come in estate. Per questo motivo, si chiama l`estate di San Martino quel periodo agli inizi di novembre in cui spesso accade che la temperatura si faccia più mite”. La tradizione vuole che, proprio in virtù di questa predisposizione climatica che regalerebbe inattesi momenti di sole, le famiglie contadine sfruttassero l’occasione per traslocare le aziende a termine della stagione agricola, secondo le regole della mezzadria. Questa usanza si è consolidata, a tal punto che nel lessico dialettale di provincia, il trasloco viene detto “san martino”.
Traslocare, viaggiare, cambiare, muoversi, numero 11. Tessiamo ancora le fila di questa trama del fare anima e immedesimiamoci nelle belle immagini che essa evoca. Il santo Martino – che nella sua erranza s’imbatté nel povero mezzo nudo – è celebrato come il protettore dei pellegrini, dei viandanti di un tempo e, perché no, dei viandanti di oggi. Chiunque abbia intrapreso un percorso di crescita spirituale può sentirsi altamente protetto – o semplicemente in risonanza – da questo santo nel giorno della sua celebrazione. Un giorno, anch’esso molto significativo: l’11 novembre (11-11)

In Numerologia l’11 è, insieme al 22 e al 33, un Numero Maestro. Rappresenta l’ottica della visione che oltrepassa i limiti, potenziando le qualità insite nel numero 2 (1+1 =2): l’illuminazione che altro non è se non la capacità di vedere oltre le apparenze. Vedere oltre, andare oltre: è implicito sempre uno spostamento, un andare verso (o al di là), un movimento della coscienza ma pur sempre un movimento. Ed ecco che torniamo al senso dell’erranza di San Martino. Il viandante è colui che va, spesso e volentieri senza calcolare troppo i dettagli del viaggio, per lasciarsi ispirare dal tragitto più che dalla meta finale, lasciando spazio all’imprevisto e all’imprevedibile perché solo così si può rimanere nella libertà di fare esperienza dell’ignoto, rimanendo nell’apertura totale senza attaccamenti. Che poi l’ignoto possa assumere le sembianze di un povero nudo e tremante è un’altra faccenda.

San Martino in un affresco di Simone Martini

Qualsiasi sentiero s’intraprenda, l’unica connessione da mantenere sempre viva, è quella con il Cuore. La compassione di Martino che con la sua spada (simbolo che, tra l’altro, richiama immediatamente alla mente l’Arcangelo Michele) taglia parte del suo mantello per soccorrere il moribondo, non può che essere la via maestra. Un gesto talmente in sintonia con l’Anima del mondo da essere “premiato” con una ondata di Sole in un gettito d’estate fuori dall’ordinario. E che altro è quel raggio di sole se non il segno tangibile dell’illuminazione (letteralmente: azione di luce, portare luce) di chi ha saputo andare oltre le apparenze, o il senso del proprio ego? L’universo risponde sempre all’amore con l’amore. E non c’è vibrazione più potente di questa. Ma l’Amore (quello con la A maiuscola) non ha che un unico desiderio: quello di darsi, senza aspettative. Non ha importanza che poi il Sole splenda o continui a piovere, per intenderci. La gioia di dare è la sola luce che basta a se stessa. Il resto, come mi piace dire sempre, avverrà per complicità universale, ma noi non dobbiamo pensarci.

Esiste qualcosa che vuole che tu ti svegli e che tu viva: l’amore
(dagli scritti di Mère)

Il senso di Unità che consente di vedere gli altri come se stessi in quanto interconnessi in un tutto in cui non sussiste separazione alcuna, è quanto consente a chi intraprende l’erranza come attitudine esistenziale, di sentirsi sempre a casa in ogni luogo e, nello stesso tempo, in nessun luogo, consapevoli dell’impermanenza di un eterno fluire. Il più bel viaggio che si possa compiere è il sacrificio (sacrum facere) di Sé (ego) in nome dell’amore (anima).

Quando compare in una tavola numerologica, il numero 11 può essere associato al senso di responsabilità per sé e negli altri. Nella vita quotidiana offre l’opportunità di applicare una dote molto importante, di cui San Martino è emblema: superare, nel senso di onorare, le prove che si incontrano durante il cammino. Prove che non sempre sono catastrofi o assumono le sembianze che più ci aspettiamo, ma sono sempre dietro l’angolo come segnali per accrescere le nostre potenzialità a favore di un’apertura sempre maggiore del compassionevole spirito che ci anima, la nostra vera essenza. Leggi anche: COME FARE QUANDO “VA TUTTO MALE”: IL SIGNIFICATO DELLE CONTRARIETÀ’

I Segreti della Numerologia
Il linguaggio dei numeri. Prefazione di Paola Giovetti

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

€ 11.5

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: