Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

2 giugno luna piena …la luna della rosa o del miele…

| 3 commenti

 

Superluna rosa-2

La Luna della rosa o del miele è la terza luna dell’anno, il suo inizio si colloca quasi  sempre nel mese di maggio per proseguire nel mese di giugno, arrivando a volte a toccare il 24 giugno la festa di S. Giovanni. Secondo l’agrilunario di Strie, consultato per l’occasione, il clima lunare per la Luna della rosa  è il seguente:

Il Novilunio della Luna della rosa avviene come nel nostro caso  generalmente in Toro, segno di terra che stabilizza il clima in genere ancora “ballerino”. Meno sovente la Luna Nuova potrebbe compiersi in Gemelli  indicando clima volubile, come questo segno, e arieggiato.

Il motivo per cui la Luna della rosa o del miele si chiama in questo modo è la fruttificazione dei fiori fecondati il giorno della festa di  Beltane (1 maggio) . In questa Luna i fiori, straboccanti di nettare, attraggono insetti per favorire l’impollinazione e la fecondazione. La forza generatrice della natura è al suo picco massimo, i frutti appaiono sugli alberi, i fiori sono gonfi di bellezza e profumo. L’erba è verde smeraldo e le foglie sono fresche e nuove. In questa lunazione le api si dedicano alla danza al sole prima della produzione del miele con cui si produceva (e si produce tuttora) la bevanda degli dei: l’idromele. Il miele infatti, noto come “nettare degli dei”. Il colore stesso del miele riporta alla mente il Sole, quindi il calore, la vita e la divinità. La sua dolcezza priva di compromessi ci ricorda la bellezza della vita e delle giornate che si allungano sempre di più fino alla festa di San Giovanni (24 giugno) quando dopo il picco di luce comincerà la parte oscura dell’anno e la discesa.

Questa lunazione ci porta all’abbondanza della vita, alla forza della crescita e all’energia di rinnovamento e ricchezza che spira ovunque, nei profumi e nello sbocciare di tutto ciò che è luce e colore. In questo periodo, le coppie animali createsi nella lunazione precedente hanno i loro giochi d’amore e gli accoppiamenti danno vita alle prime gestazioni. In questa lunazione abbiamo la lotta per la nuova regina nell’alveare. Più d’una infatti sono le pupe che vengono nutrite a pappa reale per favorire la metamorfosi in regine, ma è solo la prima che si sveglia nella sua cella che sarà la destinata e ucciderà senza alcuna remora le sue sorelle (a meno che le operaie non le abbiano tenute separate per poter così supplire ad un mancato ritorno della regina), prima di alzarsi per il volo nuziale inseguita dall’orda di fuchi. E qui ecco la regina alzarsi sempre più in alto per essere raggiunta solo dai più forti che si accoppieranno con lei in volo. Una situazione analoga si ritrova anche nelle formiche, dove però la regina, giunta a terra, si strappa a morsi le ali prima di cominciare a deporre le uova.

Il simbolismo della Lunazione del Miele è proprio la trasformazione da fiore a frutto e quindi la maturazione di qualcosa di non commestibile in qualcosa di invece destinato al nutrimento. La metafora del miele è appunto quella più calzante in quanto le api non solo trasformano il nettare dei fiori in miele, ma favoriscono anche l’impollinazione del 80% delle specie floreali presenti su questo pianeta, permettendo lo scambio, la fecondazione e la riproduzione delle piante.

In questa Lunazione paradossalmente l’essere umano si disallinea totalmente dal ciclo naturale in quanto sentiamo addosso tutta la stanchezza dell’anno passato, e arranchiamo verso le vacanze estive che ci permetteranno così una rigenerazione per affrontare un nuovo inizio con l’ingiungere, invece, della chiusura dell’anno.( Non dimentichiamo che per la medicina cinese questo rappresenta il secondo  periodo dell’ anno  dell’ energia della terra  che troverà la sua conclusione il 6 giugno…le date collimano con uno scarto di alcuni giorni infatti questo periodo…nell’anno in corso… secondo la lunazione della rosa terminerà il 15 giugno.… Nota di Cammina del Sole)

Questa Lunazione è una prima luna di raccolto, quindi di reinvenzione e di revisione di ciò che siamo. La sua energia è utile a vivere ciò che abbiamo ottenuto con gli sforzi che abbiamo fatto durante l’anno fino a questo momento. E’ il momento per una proposta di nozze, per fermarsi due secondi, godersi il sole, starsene sdraiati all’aperto e lasciare che le energie rigeneratrici della terra, nel ronzare degli insetti, nel vento che scuote gli alberi, ci rendano la forza e il desiderio di affrontare qualsiasi cosa dobbiamo raccogliere perché noi stessi l’abbiamo seminata. E’ quindi energia di una presa di posizione per la propria vita, per le proprie scelte future e passate e ciò che siamo ora in rapporto a queste scelte, oltre che ciò che saremo.

Articolo preso dal sito http://www.thereef.it/ e riveduto da Cammina nel Sole (Maria Rosaria Iuliucci)

Fonte agrilunario : www.strie.it

 

Le Tredici Lune

Voto medio su 5 recensioni: Buono

3 commenti

  1. Grazie per i bellissimi articoli che scrivi!!
    Sono sempre pieni di spunti per una riflessione profonda…
    Grazie ❤️

  2. bellissimo articolo grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: