l'alba del sesto sole

25 MAGGIO 2017 – NOVILUNIO IN GEMELLI IN OPPOSIZIONE A LILITH IN SAGITTARIO

| 0 commenti

Il Novilunio di Maggio si verifica il 25 maggio alle ore 19,44 UTC, 04° dei Gemelli, in opposizione a Lilith a 11° del Sagittario.

L’Asse zodiacale Gemelli/Sagittario è molto interessante perché illustra il percorso dalla Mente logica e pratica (Gemelli), di chi escogita continuamente soluzioni alle problematiche quotidiane, alla Mente Superiore che ricerca il contatto con il Divino, di chi si sente investito di una missione importante.
Sole e Luna congiunti nel Novilunio in Gemelli rappresentano anche l’antica fusione dei Dioscuri, Castore e Polluce, i due gemelli della mitologia greca, uno umano e l’altro divino e immortale, a cui la Costellazione deve il nome. Il Novilunio in Gemelli rappresenta un’importante ricongiunzione con qualcosa di perduto, qualcosa che viene inseguito da tempo, una pace interiore a cui aneliamo da sempre. E’ il ritrovare il Senso di Appartenenza con qualcuno per affinità elettive, uno stato che va ben oltre l’attrazione fisica. Questo aspetto dunque riguarda il raggiungimento del senso di integrità interiore, perché riusciamo a mettere insieme i pezzi dimenticati della nostra anima, quelli che abbiamo donato per amore nel corso delle varie esistenze passate su questo piano, e che faticosamente abbiamo dissotterrato negli ultimi mesi dalla memoria inconscia (ecco perché tutta questa stanchezza fisica). Esso ci va a toccare però anche a livello sentimentale, perché nella carta astrale del Novilunio il Sole e la Luna si uniscono insieme nella Casa VII, la Casa della Coppia.
I due Gemelli archetipici ricongiunti nel matrimonio alchemico tra Luce e Buio suggellano una rinascita sentimentale, dove la paura della sofferenza viene superata dal desiderio di vivere e di amare. L’opposizione con la Lilith rende ancora più vera e sentita la fusione con l’altro, perché la Luna Nera rende consapevoli della presenza dell’ombra, sia nostra che dell’altro, e non ci fa cadere nell’illusione di una infinita serie di proiezioni che tendono a soddisfare i nostri bisogni. Consapevolmente presenti a noi stessi, per quello che ci è possibile, coscienti dei limiti dell’altro, senza desiderio di cambiarlo/la perché possa riempire i nostri vuoti. Così l’altro diventa un maestro nella sua semplicità/complessità, e viceversa.
Possiamo aprirci ad incontri particolari (anche se è ovvio che questo tipo di aspetto non garantisce che questo avvenga nella nostra storia quotidiana! Ognuno di noi ha il proprio sentiero). In ogni caso l’opposizione Lilith/Luna-Sole rende lucido lo sguardo verso la relazione che ciascuno di noi intrattiene con i legami amorosi. E’ l’inizio (come sempre nel Novilunio) di un cammino di scoperta di questo lato estremamente delicato della vita umana.
Durante questo cammino della Luna Nuova che arriva fino al prossimo Plenilunio in Sagittario del 09 giugno (quando la Luna sarà congiunta alla Lilith a cui ora è opposta) si aprirà una luce che andrà ad illuminare come noi ci relazioniamo nella relazione a due (la ripetizione è voluta, a creare una ridondanza, perché Lilith in Sagittario è sempre eccessiva), che cosa ci chiama, che cosa ci respinge.
E’ un viaggio dentro il Femminile, nell’essere accoglienti con l’altro pur rimanendo nel nostro spazio sacro. Il Femminile è il lato sensibile e tenero dell’umano, importante sia per gli uomini che per le donne. Questo Novilunio dunque è un saper accogliere ciò che fa resistenza in noi rispetto al lasciarsi andare all’altro, esplorando la fragilità e la forza reattiva di difesa all’amore.
E’ qui che la Mente logica e razionale dei Gemelli ci mette in contatto con la Mente superiore del Sagittario ed in questa unione tra Semplice e Complesso, ci accorgiamo che l’essere innamorato è ciò che cambia la Vita per sempre. L’innamoramento è uno stato interiore da perseguire ed inseguire, e non si tratta solo di innamorarsi di qualcuno. Quello è solo un pretesto per estendere la visione totale dell’amore ad ogni angolo dell’esistenza. E’ da qui che l’umano tocca l’eternità.
Stefania Gyan Salila


Grazie...

Condividi

Lascia un commento