Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

CONTRATTO CON DIO

| 0 commenti

 

Faith-in-Science-for-Site

 

Con il permesso di Michele Peyrani pubblico questo suo  bellissimo scritto tratto da http://stazioneceleste.it

 

Contratto con Dio

di Michele Peyrani

 

Come avete sentito questi giorni così intensi? Sembra tutto immobile, in stallo… In realtà, i nostri corpi fisici, mentali, emozionali e spirituali sono investiti da un’eccezionale Onda o meglio Tsunami di Luce Cosmica portatore di Nuova Coscienza e trasmutazione! Come avete percepito in particolare il 17/9 con il passaggio di Saturno dallo Scorpione (dal 5/10/2012) al Sagittario?

Dal segno introspettivo e del profondo(Scorpione) al segno della novità, dell’azione e della realizzazione nel qui ed ora, nella materia (sagittario): la Verità rende liberi! Come un’eruzione dagli stati più profondi dell’anima, dalle acque profonde… fino alla Superficie! Avete avvertito anche voi una potente spinta in avanti ed un irresistibile desiderio di cambiamento?

La sera del 17 Settembre, verso le 23, ero nel letto ed ho sentito il desiderio di confidarmi con Dio su tutte le sensazioni, le paure e le preoccupazioni degli ultimi anni.

Ho iniziato a parlare a voce alta, come se mi confidassi con un amico sincero, ad aprirmi completamente a Lei/Lui. A un certo punto ho cominciato a diventare più preciso, analitico, a vedere (e sentire in ogni cellula del mio corpo) tutti gli orrori che stanno affliggendo l’umanità. Dall’esodo di massa all’inquinamento, dai barboni che rovistano nei cassonetti ai bambini chiusi e rinchiusi (mentalmente e fisicamente) nelle scuole o nei campi di lavoro…, dai Governi corrotti alla delinquenza più spietata, dai poteri occulti che si nutrono della nostra energia a tutti i veleni che mangiamo, beviamo, respiriamo e riceviamo come pensieri intossicanti nostri e dell’intera umanità!

Ho quindi iniziato ad elencare a Dio tutto quanto non sopportavo più. Tutto ciò che Lei/Lui dovevano fare per soccorrere e liberare definitivamente un Uomo ingabbiato dalle strette maglie dell’ego e dei condizionamenti, ormai perso nella vacuità e nella nullità, desolatamente allo sbando!

Il discorso si faceva sempre più intenso fino a quando ho sentito il bisogno di rivolgere a Dio una vera e propria richiesta formale di intervento:

 

“L’umanità ha sofferto abbastanza e ha pagato per le sue colpe! Ora è tempo di separare il grano del loglio, da chi intende proseguire il Cammino verso la Vera Luce e chi, invece, nella pienezza del proprio libero arbitrio, ha scelto di proseguire nell’oscurità! E’ tempo di portare nel qui ed ora i frutti di tutte le meditazioni, del lavoro energetico/sottile, dell’intima connessione interiore con il Sé, di tutta la profondità, la creatività e la bellezza che la parte più cosciente e risvegliata dell’umanità ha saputo infondere in questa creazione. E’ tempo di portare le Città di Luce sul Piano fisico o di far ascendere Madre Terra ad un Piano di Luce.

Noi, in quanto genere umano, richiediamo di cogliere con la pienezza dei 5 sensi che ci sono stati donati in questa forma fisica e dei nuovi sensi sottili che stiamo progressivamente acquisendo, la Purezza, la Bellezza e la Gioia dello Spirito. Il Tempo è giunto per portare lo Spirito nella Materia e far ascendere la Materia alla Mater, la Sostanza Madre, al suo Stato Originario e Spirituale!!!”

Come un contratto scritto nel mio cuore e nel Cuore di Dio, pronunciando l’ultima parola ho guardato l’ora della sveglia: 23.23!!!

Concluso questo “colloquio” estenuante, ma arricchente, mi sono addormentato. Ho fatto un sogno. Ero nelle zone di Padova (o così mi sembra). C’era una festa in città e dovevo consegnare delle casse audio, ma delegavo un mio ex collega ed un mio amico di gioventù (entrambi che non vedo e sento da anni).

Dico poi a mia moglie di andare a vedere la festa dall’alto della collina. Salendo, in macchina, passiamo accanto ad una zona termale. A un certo punto dobbiamo fermarci e fare inversione… dalle piscine termali l’acqua iniziava a ribollire, come delle solfatari in piena attività, e invadeva la strada.

Mi sveglio ancora scosso… tra il sogno delle acque profonde (le emozioni) in subbuglio e il discorso con Dio.

Resto in una sorta di dormiveglia… Mi svegliavo e addormentavo senza soluzione di continuità. In questo stato direi di coscienza alterata (o forse assolutamente Vera), mi sento salire verso il cielo e portare in una grande stanza difficilmente descrivibile. Un po’ ipertecnologica, un po’ paradisiaca… comunque qualcosa che non avevo mai visto, con una Luce surreale sullo sfondo che pulsava. Mi trovo seduto ad un tavolo, al cospetto di DIO. Shri Shiva (Dio Padre), la Grande Madre, Gesù Cristo, in lontananza Shri Ganesha (Principio dell’Innocenza e Saggezza Primordiale), Mosè e l’Arcangelo Michele accanto.

Padre, Madre, Figlio, Maestro Primordiale e Arcangelo ispiratore sono lì, di fronte a me, e mi chiedono di ripetere tutto ciò che avevo richiesto la sera prima. Con sicurezza, senza paura, torno a formulare l’enunciato/contratto che avevamo stipulato e loro appuntano le mie richieste. Finalmente mi addormento di nuovo e mi sveglio verso le 6.00. Sono steso supino, con le mani appoggiate sul petto. Percepisco il cuore e i due mignoli (collegati sottilmente al chakra del cuore) gonfi, come se stessero per scoppiare dalla quantità di… non so bene cosa… presente all’interno.

In quel momento chiedo al divino cosa mi stia succedendo. Sento una voce interiore che mi dice: “abbiamo racchiuso nel tuo cuore, e di coloro che sono allineati a questo sentire, il contratto siglato questa notte, per questo lo senti ricolmo. Tienilo con cura, come in uno scrigno sacro, si aprirà quando giungerà il momento!!! In una vita precedente, in un’altra creazione, sei stato il Governatore di una Città di Luce. Con umiltà e spirito di servizio hai combattuto strenuamente per difendere i diritti e la libertà dei tuoi concittadini. Pertanto ora non accetti di vedere l’umanità annichilita, imprigionata nel corpo e nell’anima.

Hai avuto il coraggio e la determinazione per affrontare e confrontarti con il Divino, questo ti fa onore”.

In quel momento sono scoppiato in un pianto irrefrenabile, scrosciante, ancestrale, come se contenesse la mia sofferenza, ma anche quella dell’intera umanità! Come dai miei occhi sgorgasse tutta l’acqua che avevo visto nel sogno delle terme! Un pianto così intenso e liberatorio che non avevo mai provato prima. Il cuore ha iniziato ad alleggerirsi e i mignoli a sgonfiarsi.

Spero che l’umanità, in piena unità e condivisione, riesca a fare quel salto di Coscienza per cui ha scelto di essere qui, oggi, nel momento più importante di questa civiltà! Che possa veramente portare il “Cielo in Terra e la Terra in Cielo”!

Non ci resta che centrarci sul cuore, sul Puro Amore, rimanendo ancorati a Madre Terra e al Suo Potere Taumaturgico!

Malgrado la situazione esteriore, che sembra peggiorare di giorno in giorno, dobbiamo testimoniare gli eventi  mantenendo il più possibile il nostro equilibrio interiore. In questo Momento EQUILIBRIO è la parola chiave!

Rivolgiamo costantemente verso il Sé Supremo, i nostri più elevati Pensieri, Desideri, Intenzioni ed Azioni!

Richiediamo poi l’aiuto dell’universo affinché si compia il Piano Divino sulla Terra per il massimo bene nostro e dell’intera umanità!

Se poteste mantenere la meraviglia del vostro cuore dinanzi ai miracoli quotidiani della vostra vita, il vostro dolore non sembrerà meno meraviglioso della vostra gioia. (Khalil Gibran)

 

Namastè

Mic

21 Passi con l'Arcangelo Michele

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: