l'alba del sesto sole

I 72 ANGELI : ACCEDERE AL DIVINO NELLA NOSTRA VITA di Cristiana Caria

| 0 commenti

21052_107462722601717_100000139699421_195960_5938950_n

Gli insegnamenti dei 72 Angeli hanno la loro origine nel Medioevo (XI – XII sec.) nella scuola di Kabbalah pratica fondata dal francese Isacco il Cieco (1160-1235). Egli credeva che tutti gli individui nel mondo fossero una manifestazione delle 10 Sephirot dell’Albero della Vita ad un livello più basso di realtà e che lo scopo del lavoro spirituale fosse quello di risalire i quattro livelli di emanazione per potersi riunire al Pensiero Divino. Secondo questa scuola tutte le persone avevano il diritto di invocare e manifestare personalmente il Divino nella propria vita e il lavoro con i 72 Angeli era uno strumento che poteva offrire loro questa possibilità.

I nomi dei 72 Angeli derivano dalle 72 lettere che compongono ognuno dei tre versetti dell’Esodo (14:19-21), chiamato Shemot – che significa Nomi – nella Bibbia.  Questo capitolo, che descrive l’esodo del popolo ebraico dall’Egitto verso la terra promessa di Israele attraverso il Mar Rosso, è simbolico del viaggio dell’uomo dalla visione materialista e dualista della vita verso uno stato di unità con il Divino.

Ognuno dei 72 Angeli rappresenta una qualità dello Spirito con cui siamo venuti qui a lavorare e a manifestare nella nostra vita per poter giungere a comprendere chi siamo e scoprire la nostra vera identità per consapevolmente divenire co-creatori col Creatore. Essi rappresentano una via all’apertura del cuore e ci offrono la possibilità di acquisire la consapevolezza del nostro ruolo personale nel Grande Disegno.


Gli Angeli sono agenti di trasformazione e amplificatori della Luce Divina, e il loro scopo è di aiutarci a divenire quello che dobbiamo essere avvicinandoci in “immagine e somiglianza” alle qualità divine di cui siamo fatti.


I 72 Angeli: Accedere al Divino nella Nostra Vita Quotidiana
I 72 Nomi di Dio – immagine tratta dal Web

Il significato e il valore numerico delle tre lettere ebraiche di cui è composto ogni nome, descrivono le qualità che ogni Angelo veicola. Ogni lettera illustra il lavoro interiore che dobbiamo fare per aumentare la nostra consapevolezza e ci offre una risposta sul come possa essere realizzato.

Secondo la tradizione kabbalista, ogni energia angelica è l’espressione dei tre Raggi di Aspetto  quali emanazioni o forze che manifestano una specifica qualità della Trinità Divina: il Primo Raggio della Volontà e del Potere, il Secondo Raggio dell’Amore/Saggezza e il Terzo Raggio dell’Intelligenza Attiva. Tutte queste 72 forze angeliche sono parte della nostra natura umana, ma ognuno di noi possiede tre specifiche corrispondenze a seconda della nostra data e ora di nascita.

I 72 Angeli: Accedere al Divino nella Nostra Vita Quotidiana
Abramo Intrattiene i Tre Angeli (Genesi 18:9-15) – Rembrandt

L’Angelo di Incarnazione è associato al Raggio 1 e ci offre una descrizione della Volontà e del Potere che ci ha portato in questa incarnazione; si relaziona alla nostra missione e proposito in questa vita e alla qualità divina che siamo venuti ad incarnare e manifestare.

L’Angelo del Cuore porta l’energia del Raggio 2 e indica come ci relazioniamo al nostro mondo emotivo, alle nostre sfide emozionali; ci dà un’indicazione di quello su cui dobbiamo lavorare per superare il conflitto emotivo interiore e aprirci all’amore incondizionato.

L’Angelo dell’Intelletto si relaziona al Raggio 3 e contribuisce al modo in cui pensiamo a noi stessi e alla nostra vita quotidiana; ci supporta nel trasformare i nostri schemi di condizionamento in modo che la nostra mente possa divenire lo specchio della mente di Dio.

Gli Angeli attivano in noi un cambiamento alchemico. Il lavoro degli Angeli rivela la Volontà dell’Anima che, a sua volta, è un riflesso della Volontà Divina. Quando i nostri Angeli sono con noi non sentiamo né il fruscio delle loro ali né il tocco delle loro piume, ma sappiamo e diveniamo consapevoli della loro presenza grazie all’Amore profondo e puro che suscitano nei nostri cuori.

La parola Kabbalah significa “ricevere” e il lavoro pratico con le energie angeliche richiede la volontà e l’apertura di ognuno di noi a ricevere e lavorare quotidianamente con queste qualità divine invitandole a dimorarsi nel tempio del nostro corpo sui tre livelli diversi (fisico, emotivo e mentale) affinché promuovano la nostra crescita in consapevolezza.

“Poiché egli comanderà ai suoi angeli di guardarti in tutte le tue vie. Essi ti porteranno in palmo di mano, che talora il tuo piè non urti in alcuna pietra” – Salmo 91:11-12

 

Cristiana Caria

Fonte : http://it.blog.cristianacaria.com/2016/12/05/i-72-angeli-accedere-al-divino-nella-nostra-vita-quotidiana/

Pagina FB : https://www.facebook.com/CristianaCariaTeacher/?ref=hl

 

Angeli - Musiche di Capitanata
Un video dedicato agli angeli con musiche di Capitanata – DVD musicale

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

€ 19.9999

Le Parole degli Angeli
Entrare in contatto con gli Angeli della Luce e riceverne guida, conforto e guarigione
€ 14

Grazie...

Condividi

Lascia un commento