Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

LE DODICI NOTTI SANTE dal 26 Dicembre al 6 Gennaio, ed i 12 SEGNI ZODIACALI

| 0 commenti

thinkstockphotos-490276232
 
12 i segni zodiacali … 12 gli apostoli, 12 i mesi…
e 12 le notti sante che cominciano il 26 Dicembre

Ogni giorno dal 26 dicembre al 6 gennaio continua a discendere dal cosmo un energia particolare e molto potente!
I doni del Natale continuano ed ogni giorno porta con sé un dono diverso.

Abbiamo la possibilità di seminare un intento per ogni giorno in queste 12 notti, un giorno per ogni mese che vi accompagnerà per tutto l’anno a venire.

L’intento che sceglierete per il 26 Dicembre potreste ripeterlo per tutto il mese di Gennaio per esempio, oppure durante il mese in cui il Sole splende nel segno dell’Ariete.

L’intendo che sceglierete per il 27 Dicembre, per il mese di febbraio o nel mese dedicato al Toro, e così via.. fino ad arrivare a dicembre 2017.

Io ho scelto di seminare gli intenti in quest’ordine. Ovvero 26 Dicembre per il mese di Gennaio, 27 – Febbraio, 28 Marzo e così via. Ma fate quello che più sentite di fare.

Un esempio di intento potrebbe essere quello di focalizzarsi sull’amore per tutto il mese, o di dedicare particolare cura al proprio corpo, o di vedere il meglio in ognuno, o di dedicarsi ad una causa in particolare, o di iniziare una dieta, ognuno di voi sceglierà quello di cui ha più bisogno! Senza per forza dover interrompere quando comincia il mese successivo.

Vi auguro di Cuore un Natale Meraviglioso, possiate voi percepire e nutrirvi di questo dono particolare: La LUCE CRISTICA, che mai come in questo periodo si può sentire così forte.

Possiate voi ricevere e divulgare questi doni per tutto l’anno a venire e durante tutta la vostra vita!

Lasciatevi avvolgere da questa Luce che vi ricorda la Luce delle Luci: la vostra vera Essenza!
La vostra vera purezza, celata e sepolta sotto mille pensieri e preoccupazioni: la mente.

Possiate vivere nella consapevolezza di chi siete veramente e possiate voi tutti scoprire e viverlo ogni giorno per tutta la vita.

Buon Natale.. Buona rinascita.

I 12 SANTI GIORNI DELL’ANNO Il 25 dicembre, giorno di Natale, pone fine al Solstizio d’Inverno (21 dicembre), ovvero il momento in cui il Sole, raggiunto il punto più basso sull’orizzonte, ricominciare a salire. Questa data segna l’inizio di un periodo dell’anno profondamente signi­ficativo che corrisponde ai dodici giorni compresi tra il giorno dopo Natale e l’Epifania.
Questi giorni racchiudono in sé il cuore spirituale del futuro anno e sono chiamati a giusta ragione, “i Giorni Santi dell’anno”. Ciascuno dei dodici giorni santi è sot­to la direzione di una delle dodici Ge­rarchie Celesti, a cui fanno capo i Segni zodiacali che influiscono con le loro energie su alcuni parti e centri spirituali (chakra) del nostro corpo: il tempio dello spirito.
Desideriamo pertanto indicare il modo migliore per essere in completa armonia con le dodici forze zodiacali che impregnano la Terra durante questo periodo. Lo studente sincero potrà perciò beneficare di questo periodo sacro per meditare sulla vita e le opere dei Discepoli e dirigere le energie spi­rituali dei vari Segni zodiacali verso le parti del corpo o i centri spirituali, armonizzandoli con esse. Se anno per anno sarà perseverante, non mancherà di essere ri­compensato sotto forma di crescita spi­rituale.
Dopo il Solstizio d’Inverno (21 dicembre), il nostro pianeta è permeato dalle potenti radiazioni della Luce Cristica, che continuerà a manifestarsi con forza fino all’Epifania. Numerose e meravigliose sono le attività che si svolgono nei mondi spirituali in questo periodo. In questo lasso di tempo, è perciò più facile entrare in contatto con gli Esseri Divini e il Cristo, Signore della Luce.
Nelle tenebre dell’epoca attuale, l’uo­mo ha perso il contatto con la Luce Cri­stica e con la luce di rinnovamento spi­rituale di questi giorni. Coloro che desiderano crescere spiritualmente sono chiamati a risco­prire nuovamente questo contatto e a farne una parte vitale nella loro vita di tutti i giorni. A questo scopo possono servire le seguenti meditazioni, per ognuno dei dodici giorni santi dell’anno, e durante i giorni in cui domina il Segno zodiacale ad esso correlato.
Si consigliano gli aspiranti di meditare sul significato profondo dei brani biblici proposti durante il giorno indicato e tutti i giorni in cui sono attivi i ritmi del segno Zodiacale correlato.

ARIETE (26 dicembre e  dal 21 mar­zo al 20 aprile).
Secondo i calendari sacri con l’Arie­te inizia il nuovo anno solare. Il discepolo in rapporto all’Ariete è S. Giacomo, fratello di Giovanni. Fu il primo a rispondere all’appello del Mae­stro e a intraprendere il sentiero del martirio; un vero pioniere spirituale. Durante il mese dell’Ariete, l’aspirante dovrà studiare la vita di S. Giacomo e sforzarsi di imitarne le virtù.
La parte del corpo che cor­risponde all’Ariete è la testa: lo studente dovrà vi­sualizzarla con i suoi centri spi­rituali risvegliati e illuminati in tutte le loro funzioni ed in piena maturità.
I1 pensiero seme biblico da meditare il 26 dicembre e durante il segno dell’Ariete (20 marzo – 21 aprile) è il versetto seguente: “Ecco, io faccio nuove tutte le cose” (Apocalisse 21:5).

TORO (27 dicembre e  dal 21 aprile al 20 maggio).
I1 discepolo corrispondente al Toro è Luca. La virtù predominante è l’umiltà, una del­le qualità più importanti che l’aspirante deve coltivare. Quando è ben sviluppata  costituisce un formidabile po­tere spirituale. Pertanto il 27 dicembre e durante il segno del Toro è necessario farsi ricettivi e dif­fondere l’amore e l’armonia nelle diver­se esperienze della nostra vita, siano es­se felici o spiacevoli, esaltanti o depres­sive.
Il pensiero seme biblico da me­ditare il 27 dicembre e durante il segno del Toro (21 aprile – 21 maggio), è il versetto di Giovanni: “Colui che dimora nell’amore, dimora in Dio e Dio dimora in lui”.  

GEMELLI  (28 dicembre e dal  21 maggio al  21 giugno).
Il Discepolo che corrisponde ai Gemelli è S. Tommaso, il quale si identificò così intimamente col Cristo che i suoi dubbi, che riguardavano in pratica ogni essere mortale, vennero tra­scesi nella realizzazione dinamica dei po­teri Cristici che erano latenti in lui. Nu­merosi e meravigliosi furono i suoi mi­racoli dopo questa trasformazione. Le qualità da coltivare durante il pe­riodo dei Gemelli sono la pace e l’equi­librio che S. Paolo aveva raggiunto e che gli fecero dire: “Nessuna di queste cose (il mondo esteriore) riesce a turbarmi”.
I Gemelli governano le mani. Si do­vrà visualizzarle come se fossero dei fiori profumati e luminosi, dotate dei preziosi doni di guarigione e di bene­dizione.
Il pensiero seme biblico da medita­re il 28 dicembre e durante il segno dei Gemelli (22 maggio –  22 giugno) è: “Si calmo e sappi che Io sono Dio”. 

CANCRO (29 dicembre e dal 22 giugno al 22 luglio).
L’Ariete è inerente alla vita, il To­ro alla forma, i Gemelli all’intelletto, il Cancro all’anima in quan­to rivelatrice della verità. La con­sacrazione per il mese del Cancro sarà perciò una ricerca della luce non an­cora apparsa sulla terra e sul mare.
I1 centro spirituale del corpo che corrisponde  al Cancro è il plesso solare, che viene spesso chiamato il “sole dello stomaco”. Durante la meditazione questo centro va visualizzato come un sole splendente.
Il pensiero seme biblico da medita­re  i1 29 dicembre e durante il segno del Cancro (22 giugno – 23 luglio) è il seguente: “Se noi camminiamo nella luce, come Egli è nella luce, avremo comunione l’un l’altro” (Giovanni).

LEONE (30 dicembre e dal 23 luglio al 22 agosto).
In questo periodo sul nostro pianeta la Saggezza di­vina è intimamente collegata con la na­tura, per cui tutte le attività dovranno essere motivate da questa forza; ogni pensiero dovrà irradiare l’amore, ogni parola vibrare d’amore, ogni atto essere abbellito dall’amore.
Nell’apostolo Giuda è possibile vedere la grande trasformazione che ope­ra l’energia dell’amore. Esiste un’intima relazione tra Giu­da e Giovanni: Giuda simbolizza la per­sonalità, Giovanni simbolizza lo Spiri­to. Vi è un profondo significato nel fat­to che Giuda si tolse la vita, dopo aver tradito il Giusto; infatti la personalità deve sempre decrescere affinché possa crescere lo spi­rito.
S. Paolo esorta gli aspiranti sul sen­tiero a sbarazzarsi dell’uomo vecchio. Quando la personalità si sottomette allo Spirito, l’amore di natura inferiore (egoistico e opportunista) cessa di esistere, lasciando spazio all’amore superiore, rappresentato da Giovanni, il Discepolo che non co­nobbe la morte e che, fra i dodici, fu il più vicino a Gesù.
A Leone corrisponde il centro spirituale del cuore. Quan­do questo centro svilupperà il suo po­tenziale divino, diventerà luminoso come i raggi del Sole che brilla nel cielo.
Il pensiero se­me biblico da meditare il 30 dicembre e durante il segno del Leone (23 luglio – 24 agosto) è il seguente versetto di S. Paolo:  “L’Amore è il compimento della legge”(Romani 13 10).

VERGINE (31 dicembre e dal 23 agosto al 22 settembre).
Nel tempo, l’Amore del Leo­ne conduce al Servizio della Vergine. Quando i raggi di questo Segno avvol­gono la Terra vi sono delle energie che tendono al rinnovo e alla purificazione. Ad un certo grado di sviluppo la purezza di­venta per l’uomo un formidabile po­tere, come sottolineò Gesù quando disse: “Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”.
Il Discepolo corrispondente al segno della Vergine è Giacomo il Giusto, fra­tello di Giuda e di Simone. Per molti anni fu venerato come capo della prima Chiesa di Gerusalemme e conosciuto per la sua purezza di carattere ed il suo servizio altruistico.
L’intestino è la parte del corpo in rap­porto con la Vergine. L’aspirante deve visualizzare quest’organo luminoso e perfettamente funzionante.
Il pensiero-seme biblico da meditare il 31 dicembre e durante il segno della Vergine (24 agosto – 23 settembre è il seguente: “Chi è il maggiore fra di voi, sia il servo di tutti”. 

BILANCIA (1 gennaio e  al 23 settembre al 22 ottobre).
Le qualità della Bi­lancia  sono bellez­za e armonia sono. Quando l’uomo sarà in grado di ricevere completamente le sue influenze, la povertà, la malattia, la discordia e il dolore scompariranno.
Il centro del corpo corrispondente alla Bilancia si trova in corrispondenza delle ghiandole surrenali. Queste ghiandole, quando funzionano bene, creano un perfetto equilibrio fisico e psicologico in ogni organo. È perciò bene visualizzarle luminose e perfettamente funzionanti.
Il pensiero-seme biblico da meditare  il 1 gennaio e durante il segno della Bilancia ( 23 settembre –  24 ottobre) è il seguente: “Conoscerete e la verità vi farà liberi” (Gio­vanni 8:32).

SCORPIONE (2 gennaio e dal 24 otto­bre al 21 novembre).
Discepolo che corri­sponde allo Scorpione  è Giovanni, colui che seppe talmente sviluppare la divina scienza della trasmuta­zione della materia in spirito che il suo corpo non conobbe la morte.
La parte del corpo che corrisponde allo Scorpione sono i genitali. Nell’aspirante sincero questi organi diven­ta un centro di trasmutazione. Come abbiamo detto, esiste un’intima rela­zione tra Giuda (la personalità) e Gio­vanni (lo spirito). Giuda deve morire affinché Giovanni possa regnare.
Analogamente vi è uno stretto le­game tra il cuore (Leone) e l’apparato genitale (Scorpione). Finché domina la personalità le energie dei genitali primeggiano e quelle del cuore hanno solo una funzione secondaria. Quando la personalità si spiritualizza, è il cuore che domina e le passione vengono trasmutate in amore divino.
Il pensiero-seme biblico da meditare  il 2 gennaio e durante il segno dello Scorpione (24 ottobre –  23 novembre) è il seguente:”Beati i puri di cuore perché vedranno Dio” (Matteo 5: 8).

SAGITTARIO (3 gennaio e dal 22 novembre al 20 dicembre).
Il Discepolo che corrisponde al Sagittario è Filippo. Prima di incontrare il Cristo, egli non aveva alcuna idea di ciò che poteva significare uno spirito Cristico. Egli era essenzialmente mentale. Quando fu pervaso dalla luce Cristica, divenne degno di far parte dei dodici Immortali.
Il Sagittario agisce attraverso il centro energetico (chakra) che si trova alla base della colonna vertebrale, che, siccome collega questo centro al cervello, è stata chiamata il “Sentiero del Discepolo”. Quando l’aspirante vive una vita pura e santa il kundalini (fuoco spirituale) si anima e si innalza lungo la colonna vertebrale arrivando ad attivare la ghiandola pineale e il corpo pituitario. È attraverso questo proces­so che un individuo ottiene l’Illuminazione spirituale.
E’ quello che intendeva il Maestro quando si rivolgeva ai suo Discepoli dicendo: “Voi siete la Luce del Mon­do” (Matteo 5:15). Questo è il versetto da meditare il 3 gennaio e durante il segno del Sagittario (dal 23 novembre al 22 dicembre).

CAPRICORNO (4 gennaio e dal 21 dicem­bre al 19 gennaio).
Questo segno è dedicato agli Arcangeli il cui capo è il Cristo: è grazie a Loro che ci giunge il formid­abile potere in virtù del quale l’uo­mo può “essere perfetto come lo è il Padre che sta nei cieli”. Questo è anche il segno degli Avatar o Maestri spirituali del mondo.
Quando lo spirito Cristico si manifesterà in tut­ti gli uomini il nostro pianeta vibrerà in sintonia con la nota musicale del Capricorno e  gli Angeli e gli Arcangeli avranno un buon motivo per cantare ogni giorno: “Pace in terra agli uomini di buona volontà”.
Il Discepolo corrispondente al Capricorno è Simone, fratello di Giaco­mo e di Giuda. Benché Simone fosse unito al Signore da legami familiari, egli era il meno disposto ad accettarne la divinità, ma quando si risvegliò in lui lo spirito del Cristo la sua devozione fu totale. Da quel momento il suo unico desiderio era quello di Servire il Signore.
I due centri del corpo corrispon­denti al Capricorno si trovano nelle ginocchia. Nell’uomo evoluto spiritualmente questi centri diverranno dei gloriosi vortici luminosi.
Il seguente versetto ci dà il pensiero seme da meditare il 4 gennaio e durante il segno del Capricorno (dal 22 dicembre al 20 gennaio):  “Possa il Cristo nascere in voi”. 

ACQUARIO (5 gennaio e dal 20 gennaio al 18 febbraio).
Questo Segno porta sulla terra il modello cosmico degli ideali della fratellanza tra gli uomini, destinata ad espan­dersi in tutto il mondo. Questo ideale non dovrebbe mai essere contami­nato da pensieri, parole o azioni ne­gative.
Operare per far vivere questo ideale a tutti gli uomini è la missione dell’Acquario, il divino portatore di acqua. Grazie alla sua influenza nei prossimi 2000 anni (Età dell’Acquario), l’amore diventerà la forza motrice del mondo e, come profetizzò S. Paolo, l’amore sarà il compimento della legge. In altri termini, ogni legge dovrà basarsi sull’amore e l’amore, a sua volta, costruirà la legge.
Il Discepolo che corrisponde a queste caratteristiche è Matteo, ricco pubblicano e peccatore, il quale, alla chiamata del Signore, lasciò tutto e lo seguì con gioia. Rinunciò a tutti i suoi beni ma­teriali per seguire il sentiero della realizzazione spirituale, di cui è espressione l’immortale Vangelo che porta il suo nome.
I nostri due arti inferiori sono gli organi che corrispondono all’Acquario. In questo periodo andrebbero visualizzati come due colonne con forma armonica e movimenti coordinati.
Il pensiero seme biblico da medita­re il 5 gennaio e durante il segno dell’Acquario (dal 20 gennaio al 19 febbraio) è il seguente passo d Giovanni: “Voi siete miei amici”. 

PESCI (6 gennaio e dal 19 febbraio al 20 marzo).
Questo Segno è l’ultimo prima dell’inizio di un nuovo anno spirituale, rappresenta perciò un periodo di ricapitolazione e di intro­spezione.  L’influenza dei Pesci lavora affinché l’uomo raggiunga la perfezione: un’opera a cui lavorano tutte le Gerarchie Creatrici dall’inizio della evoluzione.
Ricordiamo che l’uomo perfetto non vive più in un corpo denso materiale, ma in un corpo aereo, spirituale; un corpo “fatto ad immagine di Dio”, illuminato da stelle scintil­lanti e da tutti i chakra perfettamente funzionanti.  Questo corpo glorioso è il “dorato manto nuziale” descritto da Paolo come il “glorioso corpo celeste”. Fu la visione di questo corpo lumino­so, che lo ispirò a dire: “Così Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza” (Genesi 1:27).
Il Discepolo corrisponden­te ai Pesci è Pietro: l’instabile, l’incerto, l’uomo che, grazie alla fede, risvegliò in sé il Cristo interiore e di­venne la pietra angolare sulla quale fu costruita la Chiesa.
I due centri del corpo in relazione con i Pesci stanno nei piedi, e nella maggior parte dell’uma­nità sono ancora dormienti. Nella visione di Fati­ma, i ragazzi li descrissero come splendide ro­se che erano fiorite nelle mani e nei piedi della Madonna.
Il 6 gennaio e dal 19 febbraio al 20 marzo, è bene meditare sul seguente pensiero seme bi­blico: “Così Dio creò l’uomo a Sua immagine e somiglianza”. (Genesi 1:27).


 Riepilogo Durante i dodici santi giorni dell’anno, la terra è pervasa dalla luce del Cristo. Il profu­mo della sua aura trascendente impre­gna il pianeta di un raro soave odore, simile ad una miscela di effluvi di ro­se e di lillà. Questa radiosa luce e il balsamo guaritore sono quindi gradatamente assorbiti dalla terra, è perciò necessario approfittare di questo sacro periodo di tempo, che segna per l’uomo il momento più propizio per incamminarsi sul Sentiero della Santità.

ARIETE (26 dicembre e  dal 21 mar­zo al 20 aprile) : “Vedi, faccio nuove tutte le cose” 

TORO (27 dicembre e  dal 21 aprile al 20 maggio) : “Colui che dimora nell’amore dimora in Dio” 

GEMELLI  (28 dicembre e dal  21 maggio al  21 giugno): “Sii calmo e sap­pi che lo Sono Dio” 

CANCRO (29 dicembre e dal 22 giugno al 22 luglio): “Se camminiamo nella luce, come Egli è nella Luce, avremo comunione l’uno con l’altro” 

LEONE (30 dicembre e dal 23 luglio al 22 agosto): “L’Amore è l’adem­pimento della Legge” 

VERGINE (31 dicembre e dal 23 agosto al 22 settembre) “Colui che vuol essere il primo sia l’ultimo e il servo di tutti” 

BILANCIA (1 gennaio e  al 23 settembre al 22 ottobre) : “Conoscerete la Verità e la Verità vi renderà liberi” 

SCORPIONE (2 gennaio e dal 23 otto­bre al 21 novembre): “Felici coloro che sono puri di cuore, perché vedranno Dio” 

SAGITTARIO (3 gennaio e dal 22 novembre al 20 dicembre): “Voi siete la Luce del Mondo” 

CAPRICORNO (4 gennaio e dal 21 dicem­bre al 19 gennaio): “Possa il Cristo formarsi in Voi” 

ACQUARIO (5 gennaio e dal 20 gennaio al 18 febbraio): “Voi siete miei amici” 

PESCI (6 gennaio e dal 19 febbraio al 20 marzo): “Così Dio creò l’uo­mo a Sua immagine e somiglianza” 

 

Fonte : http://astrosapienza.blogspot.it/2016/12/le-dodici-notti-sante-dal-26-dicembre.html

Pagina FB : https://www.facebook.com/AstroSapienza/?fref=ts

 


Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: