Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

SINDROME DEGLI ANTENATI : GLI AVI INFLUENZANO IL FUTURO?

| 0 commenti

Se vuoi sapere come la sindrome degli antenati influenza la tua vita di oggi e come liberarti da questi ascendenti, leggi questa guida, che è pensata per darti molti strumenti utili al fine di trasformare le energie sottili che creano forti legami nello spazio e nel tempo e ti portano inconsciamente a rivivere gli eventi irrisolti dei tuoi avi.

Sindrome degli antenati: psicologia trans generazionale

La sindrome degli antenati, stando alla sua scopritrice, la dott.sa Anne Ancelin Schützenberger, sarebbe la  trasmissione inconscia e involontaria nei legami trans generazionali della ripetizione degli eventi irrisolti.

Seguendo questa teoria, le persone proseguono in vita la catena delle generazioni precedenti, pagando un pegno al passato e, fin tanto che non si è “cancellato il debito”, una “alleanza invisibile” spinge a ripetere, che lo si sappia o meno, l’evento o gli eventi traumatici, le morti, le ingiustizie, persino le loro eco.

La Schützenberger sostiene che “siamo in fondo meno liberi di quanto crediamo”. Possiamo riconquistare la libertà capendo i sottili legami che ci tengono ancorati al passato, per poi lasciarli andare. Afferrando questi fili nella loro complessità potremo così vivere la nostra vita e non quella dei nostri genitori, nonni o di un fratello morto, per esempio, che rimpiazziamo, consapevolmente o a nostra insaputa, nella “catena” del nostro albero genealogico.

Anche “andando con i piedi di piombo”, se ci pensiamo bene, non è difficile comprendere a fondo quanto le tematiche familiari abbiano “peso” nella nostra esistenza perché, se non direttamente a noi, ci sarà comunque capitato di venire a conoscenza di dinamiche intricate in cui le famiglie si rompono magari per un’eredità o per un forte lutto, e sicuramente ognuno di noi, portando per un attimo l’attenzione al proprio albero genealogico, può “sentire”, “percepire”, “visualizzare”, una qualche disarmonia. Quello è certo un punto su cui portare attenzione.

Sindrome degli antenati: Anne Ancelin Schützenberger

Anne Ancelin SchützenbergerAnne Ancelin Schützenberger (Mosca, 29 marzo 1919) è una psicologa francese, professore emerito all’Università di Nizza, dove dirige da oltre vent’anni il laboratorio di psicologia sociale e clinica. È altresì cofondatrice dell’Associazione Internazionale di Psicoterapia di Gruppo. Allieva di Jacob Levi Moreno e Françoise Dolto, la sua esperienza è nota a livello internazionale soprattutto nell’ambito della psicoterapia di gruppo e dello psicodramma. Ha lavorato al fianco di Margaret Mead, Gregory Bateson e Carl Rogers. Ai suoi studi si deve lo sviluppo della tecnica del genosociogramma: albero genealogico che tiene conto, oltre che dei legami di parentela esistenti, anche del ripetersi di particolari traumi psichici e fisici di generazione in generazione. Il suo lavoro è essenzialmente mirato alla psico-genealogia, alla comunicazione non verbale e ai legami familiari. (fonte wiki)

Sindrome degli antenati: Voyager

Anche la trasmissione Voyager si è occupata della sindrome degli antenati, intervistando direttamente la Schützenberger. Ti consigliamo la visione di questo documentario che nella sua brevità (dura 20 minuti), illustra chiaramente il pensiero dell’autrice.

Inizia con queste parole:

Può apparire superfluo scavare nella storia per risalire ai fatti dei nostri avi. Eventi tragici quali morti improvvise, malattie, incidenti … ma anche fatti positivi, quali matrimoni e promozioni sul lavoro. Ma se lo facciamo, spesso si scoprono coincidenze di date, di giorni, mesi, anche ad anni di distanza, che lasciano sconcertati.

Qualcuno nell’ultimo secolo ha cercato di andare più a fondo e di spiegare il mistero della ripetizione di date nelle storie familiari: una di queste persone è Anne Ancelin Schützenberger, parigina di origine alsaziana, professore emerito dell’Università di Nizza e fondatrice dell’associazione internazionale della psichiatria di gruppo. Ormai novantenne, la è un nome storico nel campo della psichiatria internazionale. Il suo libro “La sindrome degli Antenati”, best-seller in Francia con ben 15 ristampe rappresenta uno dei testi fondamentali della cosiddetta “psicologia trans generazionale”, una disciplina che si propone di curare malattie fisiche e mentali attraverso lo studio delle storie familiari.

Sindrome degli antenati: i legami invisibili

La Schützenberger comincia a notare delle ricorrenze nelle dinamiche familiari dei suoi pazienti, e indagando, scopre che spesso ci sono vincoli comportamentali che possono essere ricondotti a ciò che è accaduto in vita agli avi. Ricorrenze, situazioni compensative apparentemente inspiegabili, avvenimenti che accadono in coincidenza con gli anniversari, possono essere ricondotti all’esperienza di un antenato che è incorso in una fatalità, gravando così su tutta la catena.

È nostra responsabilità, se vogliamo svuotare lo zaino dal peso degli antenati, farci carico di sciogliere questi condizionamenti che influenzando l’inconscio collettivo, lasciano tracce nella memoria delle nostre famiglie.

Spesso è facile risalire alle storie dei nostri avi, a volte invece il nostro albero genealogico contiene delle macchinazioni più complesse. Le trappole, le insidie nascoste nel nostro albero sono spesso rappresentate dal “non sapere” chi siano i nostri avi. Quando non si hanno notizie certe circa l’identità di chi ci ha preceduto, la comprensione risulta più ostica, tuttavia anche in questi casi c’è un modo per fare chiarezza. Ne parleremo più avanti.

Sindrome degli antenati: la lealtà invisibile

Se vuoi costruire il tuo albero genealogico, trovi più in fondo in questo articolo, diversi strumenti che ti aiuteranno. Uno dei concetti più importanti da afferrare quando ci si approccia a questo lavoro è quello della lealtà familiare. Ognuno di noi, inconsciamente, è portato a interiorizzare lo spirito, le domande, le aspettative del proprio gruppo e a utilizzare le proprie attitudini per conformarsi alle ingiunzioni interne o interiorizzate. “Se non ci si assume questi obblighi, ci si sente colpevoli”, dice l’autrice, e questo è un punto interessante da considerare per definire non solo noi stessi, ma noi stessi all’interno di un sistema più ampio.

Il senso di colpa, ma anche la ribellione, è sempre in relazione a dettami che giungono dalla struttura del sistema di credenze che viene trasmesso attraverso il modo in cui i membri della nostra famiglia agiscono.

La lealtà invisibile entra in gioco anche quando entriamo in una presunta “competizione” con chi ci precede. Se un figlio, ad esempio, percepisse che superando il livello di istruzione del genitore, diventerebbe una persona riconducibile a una categoria che il genitore odia (ricco, per esempio), il figlio tenderà a non rompere la lealtà invisibile pur di non fare un torto, pur di non creare attriti nell’albero. La promozione sociale/intellettuale/economica rischierebbe di creare divergenze in ambito familiare.

Con un atto mancato, il figlio mantiene intatta la barriera di protezione che lo tiene in seno al nucleo, rispondendo inconsciamente al dettame del genitore che inviando un doppio messaggio contraddittorio, dice: “Io faccio di tutto per il tuo successo, lo voglio … ma temo che mi oltrepassi e che ci lasci o ci abbandoni”.

Sindrome degli antenati: la cripta e il fantasma

Il pudore e una certa predisposizione umana per non indagare nei sottesi, nel nascosto, nelle ombre, fa si che spesso non si parli in famiglia di tutti quegli accadimenti che possono aver segnato una discendenza. Sebbene questi complessi legami si possano vedere o anche solo intuire, il silenzio, anche inteso come forma di rispetto per i defunti, di cui si parla sempre bene dopo il trapasso, tende ad ammantare gli accadimenti familiari sotto una spessa coltre di scuro.

Nel 1978 due psicanalisti, Abraham e Torok, introducono il concetto di cripta e di fantasma ovvero, quando all’interno dell’albero accade qualcosa di tremendo ad uno dei suoi membri, come un’onta, una forte ingiustizia, un qualcosa di vergognoso, di equivoco, si tende a nascondere l’evento e la persona che ne è stata protagonista. Abraham e Torok si accorgono di questo per via dei comportamenti ingiustificati dei loro pazienti. Lavorando con persone che dicevano di aver fatto “qualcosa senza comprenderne la ragione”, iniziano a notare corrispondenze, come se un fantasma uscisse dalla propria cripta e ne prendesse il controllo, facendoli agire in modi completamente differenti dalle loro abitudini. Questo membro della famiglia conserva il “non-detto” e lo incarna come a simboleggiare la presenza che si è invece voluto nascondere.

Sindrome degli antenati: genosociogramma

La Schützenberger da vita allo strumento di analisi del genosociogramma, ovvero la ricostruzione analitica dell’albero genealogico, che permette di individuare i collegamenti tra gli elementi di generazioni diverse. Nel genosociogramma possono rientrare anche persone non consanguinee, esterne alla famiglia, ma che in qualche modo sono state fondamentali nella storia familiare, che possono aver agito come benefattori, aiutanti, sostituti di ruoli fondamentali (le balie, ad esempio), ma anche coloro che hanno arrecato danno alla famiglia, in qualche modo: per l’importanza del loro contributo (positivo o negativo), costoro rientrano a buon diritto nel sistema.

Un oggetto di analisi particolarmente importante è la coincidenza tra le date di nascita, di matrimonio, di morte, di incidente, dei diversi membri del sistema familiare: Schützenberger riscontra infatti la cosiddetta sindrome da anniversario, che si manifesta con l’insorgere di malattie o il verificarsi di incidenti allo scadere di una certa età, o di una data particolare. (fonte: Costellazioni familiari sistemiche)

Genosociogramma: scarica il Pdf per imparare a compilare il genogramma

A questo link trovi il Pdf gratuito che ti spiega come compilare un genogramma semplificato per iniziare a sistematizzare il tuo albero genealogico.

Genogramma-familiare-simboli.

Genogramma: come colmare le lacune dell’albero

In questo video Virna Trivellato di Armonia Emozionale ti spiega come completare il genogramma nel caso in cui tu non abbia possibilità di reperire informazioni circa i tuoi avi.

Il metodo è tratto da Metagenealogia di Alejandro Jodorowsky.

Sindrome degli antenati: trasformazione delle energie

Siamo in un momento di profonda trasformazione a livello planetario. Quella che, banalizzando in epoca New Age veniva chiamata l’era dell’Acquario, l’era della comunicazione, ci sta portando in realtà un accesso ben più ampio alle informazioni, rispetto a solo 10-15 anni fa. Abbiamo oggi la fortuna di poter aprire Google e di fare una ricerca, documentandoci su molti aspetti, dinamiche, accadimenti, che fino a poco tempo fa erano rinchiusi nelle sedi del sapere. Questa fortuna va amministrata in modo sapiente ed oculato perché altrimenti rischia di travolgerci e, al pari di una droga, già si parla di dipendenza da internet.

Per questo è fondamentale imparare a filtrare le informazioni, così abbondantemente disponibili e imparare a focalizzarsi su ciò che davvero è importante per noi. La realtà cambia continuamente e l’accumulo di informazioni genera la conoscenza, facendo così spuntare nuove forme dall’invisibile.

Oggi si fa un grande parlare di “uomo nuovo”, ma l’uomo veramente nuovo sarà quello che è riuscito a fare pace con tutti quei legami che lo trattengono in una vita non sua, che non gli appartiene, ma che deriva da chi, venuto prima di lui, ha lasciato incompiuto.

Sindrome degli antenati: Logosintesi® e Logocostellazioni

Logosintesi è un sistema di cambiamento guidato semplice ed elegante che trova applicazione nella psicoterapia, nel counselling e nel coaching, ma può essere utilizzata anche come metodo di auto-aiuto.

Logosintesi è stata scoperta e sviluppata dallo psicologo svizzero/olandese Willem Lammers nel 2005 e utilizza il potere delle parole per creare un cambiamento duraturo.

Di Logosintesi abbiamo parlato, spiegandone il modello teorico e pratico, in questo articolo.

Le Logocostellazioni sono uno strumento nato in seno a Logosintesi che ti aiutano ad entrare in contatto con le percezioni sottili che derivano dagli aspetti disarmonici del tuo albero genealogico.

La nostra esperta Virna Trivellato, operatrice ed insegnante del corso introduttivo di Logosintesi, è in grado di guidarti all’interno delle tue dinamiche familiari, per sciogliere le energie congestionate presenti in esse. Puoi contattarla, se desideri, a info@armoniaemozionale.it

Sindrome degli antenati: Dermoriflessologia®

Nei primi anni ‘30 del ‘900, il neurologo friulano Giuseppe Calligaris, studia e identifica il modo per stimolare la pelle creando una connessione con l’inconscio. Gli studi di Calligaris, ripresi dagli anni ’90 da Gandini e Fumagalli, fanno parte di una tecnica olistica di straordinaria efficacia che prende appunto il nome di Dermoriflessologia, capace di connetterci con aspetti peculiari del nostro spazio personale e, attraverso i sogni, aiutarci a rielaborare molte dinamiche irrisolte, tra cui anche quelle legate all’albero genealogico.

La Dermoriflessologia apre la porta dell’Inconscio è un articolo pubblicato sempre da Max Volpi su questo blog e spiega le fondamenta di questo metodo. Max Volpi è disponibile per sessioni personali di Dermoriflessologia, puoi contattarlo a info@armoniaemozionale.it

Sindrome degli antenati: Sequenze numeriche di Grabovoi

Le possibilità di applicazione di questa tecnica, in cui si utilizzano sia sequenze numeriche che tecniche di concentrazione, sono davvero tantissime ed anche creative. Ogni Pilotaggio pur seguendo un iter ben preciso, secondo le indicazioni dello scienziato russo, si sviluppa e si trasforma in un momento unico e speciale.

Questo accade perché è un momento di concentrazione che richiede la massima attivazione di ogni tua risorsa interiore, ed è utile che ne siate consapevole prima di iniziare a praticare questa tecnica.

Per conoscere il pilotaggio della realtà e sviluppo armonico di Grigori Grabovoi, puoi leggere questo articolo in cui Laura Bersellini, formatore del corso base di pilotaggio della realtà e sviluppo armonico secondo gli insegnamenti di Grigori Grabovoi®, te ne spiega il funzionamento. Puoi contattare Laura a info@armoniaemozionale.it

Sindrome degli antenati: Sei più dei tuoi genitori

Dall’integrazione delle nostre tre tecniche (Tecniche energetiche, Dermorfilessologia, sequenze numeriche) nasce Armonia Emozionale con la missione di favorire lo sviluppo del potenziale umano che passa inevitabilmente anche per la comprensione dell’ambiente interiore e dallo scioglimento dei blocchi e dei condizionamenti energetici derivanti dall’albero genealogico.

Per questo motivo abbiamo creato un percorso di crescita personale che prende il nome di “Sei più dei tuoi Genitori – svuota lo zaino dal peso degli antenati”, che unisce le nostre competenze per portare le persone a liberarsi da queste dinamiche. L’utilizzo congiunto di Dermoriflessologia, Sequenze di Grabovoi e tecniche energetiche, ci ha permesso di sperimentare, in primis su di noi e poi sui nostri clienti, enormi benefici in questo senso(*).

Sei più dei tuoi genitori è un percorso in 9 settimane volto al riequilibrio e alla trasformazione energetica dei legami parentali al fine di percepire maggiore libertà d’azione.

*Noi non siamo psicologi ne psicoterapeuti, quindi se ritenete di avere necessità di una figura professionale, rivolgetevi ad essa. I percorsi che proponiamo sono percorsi di crescita, aperti a tutti coloro desiderino migliorare la propria vita.

Fonte : http://www.armoniaemozionale.it/sindrome-degli-antenati-gli-avi-influenzano-il-futuro/

Letto su :http://fisicaquantistica.it


Ti piacerebbe trasformare la tua vita attraverso l’utilizzo consapevole di strumenti di crescita pensati apposta per te?

decondizionati

Ti interessa lavorare con le EMOZIONI? Scopri gli strumenti e le tecniche che abbiamo elaborato in “Decondizionati” – 11 tappe in cui lavoreremo insieme per far emergere le emozioni positive già presenti in ognuno di noi e che spesso dimentichiamo di poter provare. VAI AL PROGRAMMA

23371


sei-piu-dei-tuoi-genitori

Vuoi lavorare con il tuo ALBERO GENEALOGICO? Abbiamo creato “Sei più dei tuoi Genitori” – 8 settimane per liberare l’energia congestionata all’interno dell’albero perché tu possa fiorire nuovamente e vivere la tua libertà. VAI AL PROGRAMMA

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: