l'alba del sesto sole

MERCURIO PASSA SUL SOLE. ATTENTI A QUEL CHE DIRANNO DI VOI (E NON CREDETECI) di Francesca Spades

| 0 commenti

 

La retrogradazione di Mercurio in Scorpione sta per attraversare un momento particolare. Un momento astronomicamente spettacolare che si tradurrà in un passaggio del Pianeta davanti al Sole. In parole povere una congiunzione teatrale, così piena, cosi dirompente, da poter capitare solamente tredici volte nel corso di cento anni. E il tutto avverrà poco prima della piena Lunare nel segno del Toro.

L’unica preghiera che Cristo ci abbia lasciato in consegna nel corso della parabola terrena in cui si dice abbia occupato il corpo di Gesù il Nazzareno, negli anni in cui lo fece, recita com’è in Cielo, così sulla Terra. E sulla Terra che cosa avviene allora?

Il mito ci consegna un’immagine di Mercurio tenera e sorniona. Mercurio è l’incarnazione della velocità e della scaltrezza del Padre Zeus, è definito dalla sua perenne giovinezza, dalla leggerezza dei suoi anni divini che ne fanno il piccolo degli Dei per eccellenza. Mercurio è un impulsivo, come spesso sono i ragazzi. Agisce sull’egida del desiderio e dell’istinto. Ruba per curiosità, non per bisogno, non per brama di potere, ruba con gli occhi del fanciullo che vuole scoprire qualcosa che ancora non conosce e non possiede la pazienza dell’attesa. Lo fa con il gregge di suo fratello maggiore Apollo e tanto basta a farne il protettore dei ladri. Dal canto suo lo Scorpione, in cui si compie il transito di Mercurio in questa fase, è la terra degli abissi. Dei luoghi insondati di noi stessi. Delle ombre che non osiamo raccontarci riguardo chi siamo. E’ l’archetipo di quello che si trova oltre il perimetro rassicurante della luce, del concesso, del garantito e del regolare. E’ il regno del tutto è consentito, quella zona in cui qualunque arma è valida, finanche l’inganno, la manipolazione, la truffa e il raggiro. Lo Scorpione è il Regno di Ade Dio dei morti, è il Regno in cui le leggi superne dell’uomo non valgono più. E’ il Regno della criminalità e della libertà più sfrenata. Per questo è anche considerato l’archetipo del potere. Il potere è la sensazione di non aver confini, nè limitazioni. D’essere al centro delle proprie scelte e dei conseguenti accadimenti.

La sinergia concettuale del transito allora diventa quella per la quale potremmo trovarci a fronteggiare persone, dinamiche , situazioni che pretendono di mettersi in rapporto con quello che siamo, che potrebbero tentare di definirci, di dirci chi siamo, cosa vogliamo, dove stiamo andando. Che potrebbero sedurci, blandirci o accusarci. Che potrebbero lisciare il nostro ego o sfidarlo, ma sempre muovendosi sul terreno franoso dell’illusione. Potrebbero essere moniti che arrivano dalle labbra di persone care appartenenti al passato o di persone a cui riconosciamo potere e autorevolezza. Ma è davvero come dicono? E’ davvero attendibile quello che potremmo udire su noi stessi, sulla nostra strada, sul nostro cammino? La coscienza di camminare in un mondo fittizio non dovremmo perderla mai. Eppure crediamo a tutto a quello che vediamo, eppure ci perdiamo nella serietà delle circostanze, come fosse tutto reale. A volte ci perdiamo nelle parole delle persone come fossero pronunciate da Dio in persona e non ci rendiamo conto che i fratelli inanzi a noi si fanno strumento delle nostre convinzioni profonde. Si prendono la briga e la fatica di venirci a raccontare storie che una parte del nostro inconscio vuole e ha il bisogno di ascoltare. E mai come in questo momento il Cielo ci metterà di fronte a situazioni di risveglio. Perchè quello che saremo chiamati ad affrontare sarà talmente oscuro o bizzarro da poter essere creduto difficilmente. Ci racconteranno delle bugie talmente macroscopiche che sarà inevitabile dover scrollare le spalle e dire no. Questo deve essere falso. Questa deve essere una farsa, una commedia in cui io recito un ruolo e come me tutti quanti. Questo è un cielo che energeticamente aiuta gli scollamenti. Il guardare noi stessi in prospettiva, rende necessaria interiormente quell’ autosservazione che è la base di ogni scatto di vera coscienza.

Astrologia Magica
Il potere dei pianeti nelle arti divinatorie
€ 15,00

Nel suo lungo viaggio di ritorno a casa Ulisse, reduce da Troia, affronta le Sirene. Esseri per metà pesce dal meraviglioso volto di donna. Cantano le Sirene e narrano gesta in grado di lusingare l’ego dei marinai sventurati che si avvicinano, i quali ne vengono completamente soggiogati e finiscono per naufragare rovinosamente. Ulisse però il pericolo lo conosce bene. La maga Circe l’ha messo in guardia e gli ha conferito anche la soluzione del problema. Infatti mette della cera nelle orecchie dei compagni di viaggio e si fa legare strettissimo a un albero della nave. Sicchè le possa ascoltare queste creature meravigliose e bugiarde, ma non assecondarle.

Ed è questo che il Cielo attualmente ci chiede. Ci chiede di legarci se necessario, o di colmarci le orecchie di cera se preferiamo, ma di restare esattamente dove siamo. Con le convinzioni, le credenze, le verità che di noi stessi siamo riusciti a fare tesoro in questi anni, di lavoro, di lima su noi stessi, in un cammino evolutivo ormai da molti iniziato.

Il Segno Zodiacale come Guida Spirituale

Voto medio su 10 recensioni: Da non perdere

€ 15,00

Perchè nella nostra parte di buio, nell’inconscio che è ancora inesplorato risiedono le convinzioni che danno forma alla nostra esistenza. Che danno forma a quello che viviamo ogni giorno. Alla nostra abbondanza e alla nostra scarsità, alla salute o alla malattia, alla serenità o all’angoscia. Quali sono le parti che devono necessariamente uscire allo scoperto per essere viste e pacificate? Quanti giudizi, fandonie, o interpretazioni erronee dovremo ancora ascoltare dalla bocca degli altri , come fossero Sirene, per comprendere quale parte di noi è necessario lasciare andare per consentire la fioritura di tutte le altre?

Quanto altro dolore gli altri ci dovranno infliggere per comprendere che siamo noi ad impugnare il coltello? Che siamo la vittima e il carnefice? La ferita e il pugnale?

Ve ne diranno di cotte di crude in questi giorni.

Ne penserete alla stessa maniera.

Ma ricordatevi che siete voi stessi a pretenderlo, che siete voi stessi a raccontarvi fandonie attraverso gli altri per svegliarvi.

State in voi stessi. Respirate. Ricordatevi che è tutto un gioco.

Che nessuno è serio e niente è reale. Che le Sirene sono illusioni di pochi attimi che si tuffano negli abissi oceanici e spariscono come visioni.

Tappatevi le orecchie, cantante se volete, ma restate fermi in quel che siete a conoscente di voi stessi. Durerà qualche giorno. Il tempo di una piena Lunare e di Mercurio che si specchia nel Sole. Poi tutto tornerà nei ranghi. Nel Sole della vostra fiducia ritrovata.

Love

Shanti

Francesca Spades

Se desideri un consulto astrologico con me puoi scrivere alla mail : francescaspades@gmail.com

Se desideri partecipare al mio prossimo seminario a Bologna ” Zodiaco Umano Zodiaco Divino” puoi contattare l’Associazione Olistica IL Punto Di Svolta a questo link : https://www.puntodisvolta-ets.it/contatti

La mia pagina Facebook è questa: https://www.facebook.com/AstrologiaKarmicaPerAnimeConfuse

Fonte :https://astrologiakarmicaperanimeconfuse.com/2019/11/09/mercurio-passa-sul-sole-attenti-a-quel-che-diranno-di-voie-non-credeteci/

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.