Cammina Nel Sole

l'alba del sesto sole

A TU PER TU CON LA PAURA …

| 1 commento

paura 3

Mi piace darvi spazio…mi piace cooperare con voi anime che mi scrivete…è un flusso continuo di informazioni e  di condivisioni …non mi è mai interessato stare in prima fila …mi piace invece poter dare una mano  a tutti e dare opportunità  a chi desidera farsi conoscere di pubblicare i vostri  messaggi sul mio blog …Oggi lascio di nuovo la parola  a Carolina…lei mi è molto cara e sono felice di condividere con voi   i suoi scritti…la sua consapevolezza  è figlia della  scelta di un’ anima che ha vissuto e vive tuttora  una grande mancanza…Lei è un anima antica che ha intrapreso un percorso tanto difficile ma adesso sempre più luminoso….

Qui troverete il BLOG di Carolina : http://lanimadelmondo.blogspot.it/

Qui la sua pagina di FB : https://www.facebook.com/animadelmondo/?fref=ts

 

A TU PER TU CON LA PAURA

Il cielo della mia città oggi sembra quello d’Irlanda. Colori chiaroscuri e poco luminosi che un po’ mi ricordano il mio umore stamattina. È successo qualcosa che non mi capitava da tempo: provare una paura insignificante. La reazione è stata l’irrazionalità… un flash di pochi minuti e poi con calma mi sono fermata a pensare a quello che mi stava capitando. Ho sorriso e mi sono resa conto che stavo rivivendo qualcosa che mi apparteneva, una paura irrazionale che mi bloccava senza nessuna spiegazione.  Come voi che siete approdati su questa pagina, anche io seguo e condivido le idee di Cammina nel sole e quindi non sarà mio compito spiegarvi cosa ci sta accadendo e in che periodo siamo; inoltre per il calendario cinese questi sono i giorni della terra: quelli del “pensiero insistente” come mi hanno insegnato a dire (io prima parlavo di pensiero ossessivo, ma la parola crea e quindi ben volentieri ho deciso di trovare un sinonimo meno aggressivo). Questa sensazione di paura così inutile ed irrazionale mi ha ricordato un periodo della mia vita in cui le paure erano tante e forti.  Tanti pensieri e timori inconsciamente alimentati per anni. Sono sempre stata una persona fantasiosa e con una grande immaginazione, quando si è piccoli queste doti sono utili per disegnare e creare storie, ma crescendo qualsiasi abilità non ben indirizzata può mostrare anche l’altro lato della medaglia. Le nostre esperienze sono quello che ci forma di più, una sorta di corsa ad ostacoli dove ogni ostacolo superato equivale ad un gradino di crescita personale. In questa dimensione, il dolore è ciò che ci forma maggiormente e questo l’ho imparato abbastanza presto. All’età di 15 anni mia mamma è andata via (a me piace dire così) e questo mi ha segnata profondamente. In un momento così doloroso capisci quanto in realtà tutto cambia, tutto si trasforma; non sempre si ha la forza di uscire dal vortice, per quello ci vuole tempo, ma intanto si è soli con un mare in tempesta di pensieri che piano piano ammassi in una parte di te, cercando poi di dimenticarli.
Sono sempre stata una persona apparentemente più forte degli altri, più equilibrata ed altruista. Ho preferito tenere per me paure ed insicurezze per anni e focalizzarmi su quelle degli altri, ignorando che l’unico modo per non rivedere qualcosa è lasciarlo andare. Poco dopo l’inizio della purificazione… tutte le mie paure mi vennero a trovare, tutti questi sentimenti così forti e dolorosi si rifecero vivi e per la prima volta mi trovai  faccia a faccia con i “mostri” che avevo creato. Avevo paura di tutto ciò che non conoscessi bene o mi fosse leggermente estraneo. Le mie paure erano  banali , ma robuste allo stesso tempo spaziavano da quella per esseri così belli e laboriosi come i ragni, quella che potesse accadermi qualcosa di male, quella per le malattie  fino al paranormale. Una lunuuunga ed inutile fila di creazioni mentali che non mi lasciava dormire la notte. In quel periodo le mie conoscenze ed abitudini erano diverse, avevo una vita diversa, un’alimentazione diversa ed un modo di vedere il mondo molto più superficiale e semplicistico.
Ricordo una notte in particolare.. era insonne come tante altre in quel mondo della mia vita,ma fu quella in cui toccai il fondo… i miei pensieri erano tanto confusi e forti da togliermi il respiro. In quel momento di apnea “costretta” decisi che mi dovevo rialzare da quel baratro frutto della mia creazione. Ho affrontato poco alla volta i miei timori; razionalizzandoli e disgregando le strutture mentali che in combutta con la mia fervida immaginazione avevo creato… In quel periodo mi iniziai ad avvicinare alle materie olistiche, mi curai con i fiori di Bach che fino a quel momento consideravo inutili. Due persone sono state fondamentali in questo processo di crescita e rinascita ed una di queste è proprio Cammina nel sole. Grazie a lei (e forse non smetterò mai di ringraziarla) mi sono avvicinata alla medicina cinese. Ho scoperto che per la medicina cinese la perdita della madre (terra)  è considerata come un disequilibrio della milza, la “casa” de pensiero ossessivo ehm… volevo dire insistente! Man mano che le paure passavano, affrontandole e le lasciandole andare con il sorriso, il mio pensiero diventava più limpido. A volte capita ancora che abbia flussi di pensieri senza né capo né coda, ma ho creato una mia “uscita di sicurezza” per controllarli (guarda caso proprio una foto con la mia mamma). Naturalmente in quel periodo così tempestoso niente andava per il verso giusto, percepivo l’esterno come così lontano; così diverso. Sono un’anima curiosa (una curiosità che mi ha porta a voler scoprire il mondo nella sua interezza ogni giorno di più) e per molto tempo ho cercato di capire la causa delle mie paure; credo che per la maggior parte fossero causate da un’ influenza sociale e culturale che al tempo sentivo molto forte mentre altre retaggio di vite passate.
Mentre mi svestivo da questo bagaglio pesante di negatività e le mie costruzioni mentali si disgregavano  facendomi sperimentare un’indescrivibile sensazione di libertà e spensieratezza.

Spero che queste sensazioni non facciano parte del vostro bagaglio personale, ma nel caso siate ancora bloccati dalle vostre paure mentali oppure le abbiate semplicemente riposte da qualche parte nel vostro inconscio sperando che non vi infastidiscano più, vi do un consiglio… affrontatele! Non c’è nulla di cui avere realmente paura in questo mondo (o forse solo della stupidità umana come direbbe Einstein). Come ho detto nel primo post, sono più che convinta che prima o poi il mondo cambierà, ma per essere pronti al cambiamento dobbiamo prima curare il nostro orticello.
Salutate le vostre ansie e paure, complimentatevi con voi stessi per la fantasia nella creazione, sorridete e continuate a camminare per la vostra strada…

Carolina  (Anima del mondo)

 

Paura

Voto medio su 19 recensioni: Buono

Un commento

  1. Forza Carolina, hai le Nostre Benedizioni.
    Grazie per le sincere condivisioni, fanno bene sai?, qualcosa si scioglie.
    Tanta simpattia ed affetto.
    Renzo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: