di Delphine ORIEUX

L’amore ci guida nelle profondità del nostro essere. Si rivela a noi ogni volta che abbiamo bisogno di lui. È il nostro segno interiore che indica la direzione da seguire.

Questa guida è espressa dalla gioia, dalla motivazione, dal desiderio che ci spinge a realizzare ciò che ci eleva, che ci permette di superare tutte le nostre paure e trasformare qualsiasi ostacolo in un trampolino di lancio.

Ciò che la nostra guida ci suggerisce è di andare incontro a questi eventi, che ci ricordano che ciò che potremmo essere, potremmo fare, potremmo dire, potremmo realizzare, sono esperienze, che ci aiutano a capire cos’è veramente l’energia dell’amore, quella che proviene dalla sorgente luminosa.

Qualunque cosa sia accaduta, qualunque cosa stia accadendo ora e qualunque cosa possa accadere, tutto è lì per aiutarci in questa scoperta della nostra luce nel Sé.

Anche se la violenza, la crudeltà, la malvagità, la gelosia, la rabbia, l’odio, si sono espresse, si sono espresse o potrebbero esprimersi in noi, per mancanza di riconoscimento dell’amore in Sé, tutto porta a guardarsi dentro per riscoprire l’amore che abbiamo dentro di noi .

L’empatia, l’ipersensibilità o l’apertura dei propri sensi sottili, permette di sentire le emozioni, i pensieri, le energie circostanti, in se stessi e intorno a sé. Poiché siamo tutti parte dello stesso mondo, tutto ci porta a riconnetterci gli uni con gli altri, attraverso i nostri sensi.

Quindi quando le emozioni, le sofferenze provate dall’uno o dall’altro, nel regno umano, animale, vegetale o minerale, vengono catturate dai nostri sensi, è difficile rimanere centrati e impassibili su questo, a meno che non ci lasciamo attraversare da queste emozioni , nella totale accettazione di ciò che sono, in uno stato di amore per loro e per tutto ciò che è.

Come guardare alle sue peggiori sfaccettature, alle sue ombre sepolte, a questa mancanza di amore che ha provocato reazioni sconsiderate, che avrebbero potuto farci cadere nell’ombra, nel totale oblio del nostro legame con l’amore? È difficile ea volte insopportabile prendere coscienza di sentieri così oscuri che il non riconoscimento dell’amore ci ha portato a camminare, in certi momenti e in certe vite, a volte a gradi molto intensi.

Questa osservazione, questo stato di osservazione di ciò che è stato e di ciò che è, porta una sofferenza terribile, che a volte ci fa ripiombare in stati emotivi, che ci riportano su sentieri sinuosi e angusti, così oscuri.

È qui che si trova l’umano oggi. Guarda se stesso, attraverso il suo mondo, attraverso gli altri, attraverso ciò che lo circonda. Vede, come in uno specchio, ciò che dentro di lui è freddo, nero e scuro, e il suo ambiente gli restituisce questa immagine in modo perfettamente accurato.

L’ego gli permette di sopravvivere. L’ego è questo guscio, che gli permette di pensare con la mente, di proteggersi da questa terribile sofferenza, dimostrandogli il diritto di accettare meglio ciò che sta attraversando. Crea convinzioni, idee, pregiudizi, sentimenti di dominio o sottomissione, di superiorità o inferiorità, con un bisogno cronico di confrontarsi con un testimone esterno a lui, per sopravvivere a questi traumi, a questa mancanza di amore che lo impoverisce.

Cerca quindi molteplici mezzi per arricchirsi di risorse esterne a lui, non trovandole dentro di sé. Crea una società dove il gioco si basa sulla dominazione/sottomissione, sul denaro, sulla religione, sull’educazione, su un sistema di medicina, di giustizia, su concetti che permettono ad alcuni di essere carnefici, ad altri di esserne vittime. Con la fede tutto è possibile, perché il discernimento si perde quando la paura porta alla confusione.

Le paure rappresentano questo stato di non dipendenza dall’amore in se stessi, che incoraggia le persone a fuggire, a nascondersi, a trovare sfilate, a sfuggire a questo incontro con la sofferenza e tutti i suoi traumi vissuti.

La paura è l’indicatore della sofferenza nascosta, che l’ego ci incoraggia a non incontrare, attraverso i suoi meccanismi di sopravvivenza.

Allora il Sé, questa fiamma dentro il nostro cuore, ci suggerisce, ci mette in aiuto, ci conduce nei posti giusti, per affrontare questi traumi, dolcemente e in dosi per noi sopportabili, la vita nella vita.

A volte, la personalità non supporta e sceglie di spezzare le sue esperienze lungo il percorso, per poi ricominciare, anche se costa provare momenti. A volte la strada sembra lunga e pericolosa e richiede lunghissimi periodi di incarnazioni per essere compresa. A volte la personalità trova il coraggio e adempie pienamente ai suoi impegni sulla strada della comprensione e dell’integrazione dei suoi insegnamenti.

Ognuno guida la sua barca, secondo il suo Sé, e il Sé ci connette tutti alla stessa fonte.

Sebbene sia doloroso e faticoso vivere le rivisitazioni con la propria sofferenza, ci conduce a liberazioni che ci portano, in un momento in cui iniziamo a vedere la luce in Sé, lo stato di pienezza, questa connessione con la fonte d’amore del suo Se stesso. Questo amore che nutre ogni anima, ogni vita, e che permette l’espansione della sua coscienza.

Anche se la nostra visione dell’amore diventa più ampia quando usciamo dal mondo dell’incarnazione, momentaneamente, la nostra anima sente il bisogno di evolversi ancora e ancora, passando attraverso questi momenti della vita, che fungono da acceleratore di decisione, di coscienza.

Così, quando ci confrontiamo con la sofferenza che sperimentano le altre anime incarnate, vediamo noi stessi nella nostra evoluzione, che ci permette di sapere dove siamo.

L’incoscienza è uno stato che mostra grande sofferenza e un ego piuttosto imponente, che generalmente crea conseguenze commisurate ai traumi vissuti.

L’empatia mostra un percorso più avanzato sull’espansione della coscienza, la capacità di gestire le proprie emozioni influenza la capacità di gestire quelle degli altri, che sentiamo. Più affrontiamo le nostre ombre per accoglierle, perdonarle e trascenderle, più abbiamo una visione ampia del percorso di vita di coloro che ci circondano, che ci permette di vederle come una parte di noi stessi che affronta le proprie ombre.

Quando affrontiamo la nostra sofferenza, sappiamo che il percorso è difficile, quindi quando incontriamo coloro che affrontano la loro, possiamo aiutarli irradiando tutto il nostro amore, tutta la nostra comprensione per vivere anche questo, e questo affinché trovino il coraggio a guardarsi l’un l’altro.

Se stiamo ancora reagendo a tanta crudeltà e sofferenza, è perché le sfaccettature nascoste dentro di noi restano da svelare. Cerchiamo di avere tempo e lasciamo che la vita faccia le sue cose, che ci permetta di andare a vedere questo, a tempo debito per noi.

Una strega buona non combatte un demone, irradia la sua luce per dissolvere l’ombra.

L’ombra esisterà finché la luce non la incontra. Quindi ringrazia gli eventi che rivelano le aree grigie in noi. Il mondo diventerà sempre più luminoso e l’ombra si proietterà in altre aree dove la luce non si è ancora rivelata.

Il pianeta Terra sta sperimentando questo, lo stiamo sperimentando con lei e insieme stiamo espandendo la nostra coscienza. Quindi, siamo fiduciosi che tutto sta accadendo con l’obiettivo di illuminare la vita qui sulla Terra così come gli esseri che hanno scelto di vivere queste esperienze.

Fonte: https://ouverture-son-coeur.fr/

letto su :https://pressegalactique.com/2022/02/06/ayons-confiance-dans-le-deroulement-des-evenements-qui-soffrent-a-nous/

Traduzione a cura di Cammina nel Sole

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Lascia un commento