l'alba del sesto sole

COME SMETTERE DI INCARNARSI SULLA TERRA IN TRE MOSSE

| 2 commenti

Ascension-1000pix

Intervento di Salvatore Brizzi al convegno “Voci dai Mondi” organizzato da AnimaEventi.com (Milano, marzo 2015)

Molti ricercatori spirituali non sopportano la vita, cioè la reincarnazione, e non vedono l’ora di “andarsene”. In realtà le persone non sopportano la vita perché non sopportano se stesse, e questo si riflette anche all’esterno.

Risvegliarsi significa vedere la bellezza del mondo, percepirne la perfezione. La bellezza si vede col cuore, attraverso una un’emozione superiore che accade sul piano emotivo.

Il pianeta si può abbandonare quando si vede la bellezza in ogni cosa. L’illuminazione è trovarsi bene sulla Terra al punto da non desiderare di andar via, e solo questo consente di non tornare più.

L’accettazione, che non significa accontentarsi né subire, è una chiave fondamentale.

Seconda mossa: ama i tuoi nemici. Perché? Perché il nemico è la persona che più di ogni altro ti aiuta a lavorare su di te in maniera chirurgica, e in questo significa che la sua anima ti sta aiutando profondamente.

I problemi grossi te li fanno vedere solo i “nemici”. Il nemico conosce i tuoi punti deboli, i pezzi che mancano. E te li fa vedere. Perché ti ama profondamente.

Terza mossa: vivere nel qui e ora. La capacità cioè di essere presenti. Vivere al di fuori della prigione mentale del ricordo e dell’anticipazione. La mente in genere produce rumore e le persone lo scambiano per pensieri propri.

Fonte : http://anima.tv/blog/2015/come-smettere-di-incarnarsi-sulla-terra-in-tre-mosse/

Officina Alkemica

Voto medio su 35 recensioni: Da non perdere

Risveglio

Voto medio su 48 recensioni: Da non perdere

Grazie...

Condividi

2 commenti

  1. Ho trovato questo sito mplto interessante e vorrei continuare a ricevere questi articoli. Grazie.

  2. Mi spiace per l’Autore del libro e degli articoli, che pur se sono scritti molto saggiamente, ignorano molte altre cose, in merito di reincarnazione.
    Ovviamente non posso definirmi un esperto, ma penso di saperne più io di tutti i libri scritti dall’autore.
    Motivo? Semplice… chi recupera certe conoscenze dell’aldiqua (letteralmente “ciò che si trova dall’altra parte di qua”), può indicare il cammino da fare a chi voglia recuperare la conoscenza e rimuovere definitivamente ogni ostacolo.
    La libertà di poter scegliere liberamente di reincarnarsi o meno, non si raggiunge con semplici azioni.
    E riuscire ad esser “certi” di aver raggiunto questo stadio, è il risultato di un percorso ben preciso, non è un “forse ci riuscirai” come si evince nell’articolo.

Lascia un commento