l'alba del sesto sole

DIARIO ASTROLOGICO: I RITORNI DI SATURNO di Anna Elisa Albanese

| 0 commenti

Solo a metà del mio ciclo di Saturno (Saturno di transito opposto al mio Saturno radix), posso avere un po’ più di chiarezza sulle tematiche che sta cercando di farmi maturare. Grazie al mio lavoro di astrologa conosco i miei transiti da praticamente quasi sempre, eppur (fortunatamente direi), questo non basta a non permettere ai pianeti e ai loro moti, corsi e ricorsi, di fare il loro “sporco” e sacrosanto lavoro. Pur conoscendo benissimo a livello teorico tutti i miei sassolini nelle scarpe, ho dovuto e sto, riattraversando con entrambi i piedi, il loro fastidio urgente di risoluzione. 

Immagino Saturno come una grande clessidra piena di sabbie come gli antichi orologi, colorate e di diversa quantità, ognuna misura un tempo differente: un tempo per essere bambini, un tempo per vivere i primi baci, un tempo per stare con i genitori, un tempo per ridere e per piangere, un tempo – maldetto tempo – che a un certo punto finisce nella materia e ha una scadenza con cui noi non siamo quasi mai d’accordo. 

Se Saturno evoluto e integrato rappresenta la vera saggezza del ciclo del tempo, evidentemente questo limite imposto che sembra piombare quando siamo ancora in cortile a giocare, è qualcosa che ci obbliga a dei passaggi che altrimenti noi coscientemente non compiremmo mai. So che non sto dicendo cose per niente nuove perché ho parlato spesso di Saturno nei miei articoli, ma è un simbolo così sfaccettato nelle sue ombre e luci, che ogni volta m’interroga e apre visioni. E’ anche la sua presenza da dicembre 2018 nel suo Domicilio Primario il Capricorno, che me lo fa sentire così vicino nella sua esplorazione. 

Torniamo un attimo alla nostra immensa clessidra e immaginiamoci per esempio cose molto semplici che tutti viviamo normalmente, come la percezione del tempo di quando terminano le vacanze. Ricordiamoci i diversi modi di attraversarlo: che sapore aveva il tempo lento e lungo delle vacanze da scuola in adolescenza, di cui ancora conserviamo quel ricordo; un tempo dilatato e profumato di caldo (e non solo perché eravamo per tre mesi lontani da scuola), in cosa è diverso da ora? Proviamo a ricordare quello stato di felicità febbrile prima che che giungano le vacanze, come invece è il tempo nel mezzo alle vacanze, e com’è quando stanno terminando e mancano pochi giorni. Accade qualcosa di fluido e naturale se abbiamo assaporato con tutto noi stessi quel tempo, se ci siamo tuffati anima e corpo nell’esperienza, o del luogo di mare dove siamo andati e del ritmo differente dal solito che abbiamo preso. Se abbiamo davvero vissuto stando nel presente assoluto, quando i giorni sgocciolano e il tempo spensierato volge al termine, dentro noi stessi in qualche modo, proviamo quel dolce sentimento di voglia di ritorno a casa. La gioia di comprare i nuovi quaderni di scuola o di mettere un maglioncino sulle spalle perché arriva la prima aria più fresca: il passaggio di mutamento nel lasciare andare quella fase e approdare a una nuova dimensione non è così male.

Avviene. Semplicemente accade.

Così dovrebbe essere affrontata tutta la nostra vita, imparando ad accogliere e attraversare i cicli naturali che compiamo a ogni crescita, immersi in ellissi circolari che proseguono senza interruzione di sorta in un movimento ascensionale. Ciclico. Facile a parole! Ma cosa succede quando i cicli s’intasano, s’inceppano, non fluiscono o sono interrotti prematuramente? Che noi per paura di soffrire troppo congeliamo le emozioni e l’ascolto del giusto flusso e blocchiamo la naturale percorrenza delle cose. 

Io ero bravissima a cercare di bloccare tutto quanto fin da piccola. Ero una di quelle che quando mancava un giorno alla partenza alla fine delle vacanze, mi struggevo e facevo una fatica pazzesca ad accettarne la fine e mi dicevo ogni volta “Se solo avessi un giorno in più… solo un altro giorno, rimandiamo, dai partiamo dopo domani!”. Ogni partenza era uno strappo e una violenza, e così è stato in tutti i miei cambiamenti importanti “No ancora un pochino, è troppo presto, non sono pronta, se solo avessi ancora un po’ di tempo..”.

Tu Sei la Dea - Agenda Lunare 2020
Prendi coscienza dell’energia che hai a disposizione durante l’anno!

Voto medio su 15 recensioni: Buono

€ 12,00

 

Ma ora a posteriori mi chiedo: quel famoso giorno in più serve davvero? O è solo un prolungare l’agonia in qualcosa che si deve comunque lasciare andare? Che si tratti di una fase di vita, di una persona o una situazione, non si è concluso già qualcosa che però non si riesce a riconoscere come finito?

 

Penso che durante i passaggi di Saturno ci si senta un po’ così; immersi in una fase di passaggio che mostra uno stallo tra un prima e un dopo che fatichiamo ad attraversare con fluidità. La sensazione di qualcosa che volge al termine, (e non è necessariamente una cosa negativa), qualcosa che ha fatto il suo corso e ci prepara a fare un salto di livello più maturo, o nel caso contrario a essere lasciata nel passato. La sensazione Saturniana di fatica deriva dal fatto che a noi serva sempre un giorno in più. Non ci sentiamo ancora pronti, ci dimeniamo e  facciamo i capricci, “No, no, non ancora, io voglio rimanere qui al punto in cui sono non voglio maturare niente nè ancora meno, lasciare indietro qualcosa o qualcuno!” Per questo tutto il tempo si dilata in una dimensione sospesa di attesa. Il tempo si immobilizza e congela la nostra psiche come nella favole quando il regno diviene ghiaccio, o il filo spinato cinge il castello dove la Bella Addormentata dorme in un tempo immobile e fermo in attesa del risveglio a nuova vita. Noi ci sentiamo stritolare e nell’urgenza di riuscire a risolvere tutto chiediamo un sacco di giorni in più, sconfinati, ne vorremmo a valanga, ignari però del fatto che nessuno di questi giorni però – ed è qui risiedere il dolore straziante – nessuno di essi conserva quel sapore del tempo perduto. Quel tempo centrale del sole a mezzogiorno, quello di mezza estate quando ancora la fine delle vacanze era lontanissima, quello del frutto quando era maturo e colmo nella sua grazia, quel tempo perfetto di quando c’era la massima pienezza. Quel tempo che era il tempo giusto.  

Ogni ciclo energicamente ha un inizio, una fase crescente, un picco massimo e una fase decrescente, per poi ricominciare da capo. Il ciclo Lunare ce lo mostra nella sua massima espressione tutti i mesi. Se noi non ci accorgiamo che una situazione, un sentimento, un flusso vitale è nel tempo del suo ciclo discendente (che non vuole dire morte o fine ma vuole dire che dovrà compiere un cambiamento) e ci ostiniamo invece a voler riavvolgere il nastro, immaginandoci di rivivere il suo apice, ci condanniamo a uno stato di grande amarezza e malinconia.  Ci accorgiamo che anche se questo “tempo in più” ci viene concesso, la felicità non giunge più come era stata naturale la prima volta che l’avevamo incontrata. Anche rimettendo insieme tutti gli ingredienti la formula non funziona più. Non riusciamo a rivivere pienamente il “passato glorioso”, ma nemmeno riusciamo ad accettarne la fine. La presa di coscienza del vero stato dei fatti ci avvicinerebbe al processo di guarigione, invece di ostinarci nella resistenza passiva.  Sono anche consapevole che spesso questo tempo apparentemente fermo, è un tempo necessario alla maturazione e alla capacità di prendere effettiva distanza da qualcosa che credevamo fosse e non è più. L’accettazione del suo deterioramento metterebbe in moto il vero significato di Saturno che può ricostruire mettendo nuova linfa alle fondamenta. Certo è che per ricostruire, qualcosa lo si deve un pochino deostruire o abbattere.

Perché dove ci sarà una fine avverrà ancora un inizio. 

Chiaro non solo Saturno falcia qualcosa o fa terminare, ma usato con lucidità e consapevolezza fa maturare ciò che deve costruirsi su basi solide, facendo però franare la fondamenta che non erano valide. Saturno segna il ritmo del tempo, un tempo interno, un tempo diverso per ognuno di noi e se ci guardiamo bene dentro conosciamo benissimo, anche se non vorremmo mai dirlo ad alta voce. Ognuno sa se è molto tempo che rimanda qualcosa, ognuno sa in cuor suo se una storia sentimentale è finita molto tempo prima della reale separazione, che può avvenire anche molti anni dopo. Ognuno sa dentro di sé se quel lavoro è già da molto che non motiva più o se quel caldo giaciglio che è l’antica maschera da “figli” che mettiamo con i genitori, è da millenni  caduta e scaduta, ma è troppo dura levarla del tutto.

Simbologia di Saturno
Come venire a Patti con il Grande Vecchio

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 20,00

Saturno non fa nulla di male credetemi, perché come quando sappiamo bene la data della fine delle vacanze, sappiamo bene anche quando altre date sono già giunte a termine e stiamo solo chiedendo “un giorno in più”, invece di provvedere con maturità al cambiamento richiesto.

Il cambiamento non è tornare a un passato che è già morto molto tempo prima che qualsiasi Saturno si presentasse al portone di casa, solo che non avevamo ancora la forza di riconoscerlo. 

 

 

Facciamo una piccola riflessione sulla nostra vita e proviamo a ricordare situazioni – o se vogliamo anche in leggerezza una bella vacanza di adesso o di un tempo – com’è stato o come sarebbe avere ancora del tempo disponibile? Riusciremmo veramente a goderci quel tempo in più? Io a ben ricordarlo credo proprio di no, anche se verrebbe a posteriori da dire e da fare tutto ciò che non si è detto o fatto. In un tempo reale e non immaginato come nei finali dei film americani a lieto fine che narrano di riconciliazioni e buoni sentimenti (che piacciono perché narrano di questi archetipi collettivi di giusti tempi che trovano il loro giusto spazio per fluire e ricominciare), nella vita normale fare il gran recupero dei minuti come nelle partite di pallone, è solo una corsa affannata che si vive con ansia. La partita è già stata giocata non dimetichiamolo, certo ci può essere un gran goal finale che ribalta tutto il risulato, si perché no?

 

Ma possiamo puntare tutto su quei pochi istanti rimasti di tempo supplementare, o forse è meglio giocarsi bene tutta la partita? 

 

Detto così sembra la formuletta di luoghi comuni che anch’io detesto, ma in questo ultimo periodo l’ho davvero sentita anima e corpo questa cosa assurda del tempo lineare che ci troviamo a vivere noi umani qui in questa cosa bellissima e dolorosissima che si chiama vita. Ho sentito forte l’urgenza del tempo, che consapevolmente o meno, si sta sentendo molto anche a livello collettivo. 

I Social alternano in maniera fantastica foto di mare sublime, sorrisi in costume da bagno, a foto di Nadia Toffa eroina nazionale a foto e notizie allarmanti del disastro ecologico del pianeta terra. L’estremismo di alcuni paesaggi mozzafiato eterni che racchiude al suo estremo opposto la caducità di noi esseri umani. Posti esotici e lontani, che se presti l’orecchio, si pare udire in sottofondo il ticchettio del countdown del rientro imminente al mondo “di qua”, (se uno non ci vive). E’ brutto a dirsi, ma quel posto idilliaco e paradisiaco non riusciremo a portarcelo nel taschino quando saremo in ufficio e quella vita, anche se dimentichiamo la clessidra, ha un termine proprio come il termine delle vacanze. Lo sappiamo ma siamo infervorati dall’inseguire bellezza, anche se ci viene poi strappata via.

Questo dualismo estremo mostra fuori di noi, quando poco dentro siamo riusciti a integrare nella nostra vita questa opposizione lacerante tra libertà, ricerca di infinito e finitezza umana. Certo, non per tutti è così, ma siamo ancora immersi in uno sistema più grande di noi che segna il tempo obbligato, delle ferie, le feste comandate, i Natali e i compleanni. Il punto non è se questa cosa sia giusta o sbagliata, ma quanto sia aderente al nostro tempo e quanto per molti mostri una profonda lacerazione tra il suo “dentro” e il mondo fuori.

Un tempo i riti e il rapporto più profondo con la natura, scandivano bene alcune tappe importanti della nostra vita, ora dobbiamo ritrovare questo ritmo all’interno di noi stessi, stando attenti a fare la gincana nella società cui apparteniamo che segna le sue tappe di ferie e non e i tempi della collettività, basate sul principio economico, e non sul ciclo vitale. La crisi ecologica nè un chiaro specchio. Come è un grosso specchio collettivo il fatto che una notizia di una giornalista morta in modo sicuramente tragico e prematuro, tocchi così tanto le grandi masse da vicino. Abbiamo bisogno che qualcuno ci ricordi la morte per esorcizzarla così a gran voce e credere di averne meno paura? Il tema della morte è un tabù in questo mondo di consumi, per questo quando c’è un richiamo mediatico come questo, è come se uscisse in maniera ancora più estrema per essere integrato.

Siamo strani come esseri umani, abbiamo sempre bisogno di strattoni esterni per accorgerci di dove siamo e per dare valore a qualcosa che non avvertiamo. Nel bel mezzo dell’estate era scoppiata la Prima guerra Mondiale, e la Seconda scoppiò subito dopo l’estate, come se tutta l’umanità in quel momento fosse distratta da qualcosa d’altro e non si fosse accorta del pericolo imminente.

 Per questo Saturno, e non solo lui, anche Urano, grande “tagliatore di teste” s’incarica di mostrarci la circolarità del tempo che noi non sappiamo attraversare perché siamo scollegati da noi stessi. Le crisi e il dolore s’incaricano di ricordarci che è il tempo interiore va ascoltato perché se non ci ricordiamo di vivere tutto in maniera presente e totale, l’attimo passerà via rapido e potrebbero rimanere solo i minuti di recupero dei calci di rigore in cui potremmo anche sbagliare il tiro.

Ho pensato molto a cosa non riesco a lasciare andare nella mia vita, e del perché in molte situazioni abbia sempre voluto stare lì e giocarmi tutti i minuti della clessidra, fino all’ultimo granello. Aspettare. Agonizzare. Fino allo stremo. Nel mio caso, la mia fatica nel lasciare andare qualcosa è direttamente proporzionale a non averla mai avuta totalmente. Credo dunque che quello che certi cicli obbligati e di passaggio nella nostra vita ci presentino, è  di mettere il focus non tanto su quel nostro faticare a lasciare o trasformare, ma sull’interrogarci sulla qualità e  presenza rispetto a una situazione che abbiamo vissuto. C’eravamo?

Io sto capendo che non mi serve in verità altro tempo all’adesso, ma quello che tocca molto profondamente il mio ciclo di Saturno è qualcosa che è andato perduto tantissimo tempo fa. Il tempo dorato dell’infanzia non può tornare indietro, (sempre sia stato dorato), perchè quello era il tempo giusto perché ogni cosa andasse vissuta in quella maniera completa: l’appartenere  a una famiglia – il sentirsi davvero a casa – il sentisti protetti. Il ritorno di Saturno tocca in maniera molto precisa il mio Saturno in Cancro in 8 Casa riattivando la mia Croce Cardinale in cui sono coinvolti anche Luna, Plutone e Giove ripassando nuovamente per quelle antiche ferite. Tocco con mano un’altra volta la consapevolezza che l’appartenenza a una famiglia come l’avrei voluta non l’ho mai sentita ed ora più che mai, le fondamenta solide le devo rifondare io stessa su un altro terreno. Che il sentirmi protetta è sempre passato invece dal mio proteggere qualcun altro (dover proteggere) e infine che il sentisi davvero a casa sta passando adesso da un lasciare materialmente la casa dove abito. C’è un grande carico di richiesta dal mondo fuori (tradotto karma famigliare), che io sia ancora quella di un tempo, che io dia ancora il tempo che non abbiamo in verità mai avuto, nè allora nè adesso, che io con i minuti di recupero segni i calci di rigore e vinca adesso tutte le partite perse allora.

Sto imparando che i cicli di Saturno in verità parlano di cose antiche che non si erano mai lasciate andare, partite che non ci si era mai resi conto di aver già perso – e com’è liberatorio perdere se ci pensate bene perché si può ricominciare altrove e non lottare in una sconfitta fuori tempo massimo – e ogni volta, la clessidra con la sabbia colorata di Saturno ripassa sul nostro cuscino, come un piccolo Grillo Parlante ci sussurra la verità per riportarci alla nostra vera libertà di Anima e ci sussurra “Sei pronto ora, dai, non ti serve nessun giorno in più, molla il carico, non è tuo. E’ora il giorno perfetto per salpare. E’ questo il tempo giusto della tua vita senza più colpe”.

E tu lasci andare in un attimo tutta la zavorra dalle spalle che per millenni ti stai ancora trascinando sulla schiena e puoi aprire il tuo petto a tutta la luce che vuole entrare ma non trovava spazio.

Buona prosecuzione di estate a tutti voi  … in attesa della Luna Nuova in Vergine del 30 agosto, vi invito a lasciar fluire il vostro tempo interiore con dolcezza, anche attraverso anche questa bellissima canzone di Ivano Fossati. 

 

Anna Elisa Albanese 

 

C’è tempo

Dicono che c’è un tempo per seminare
E uno che hai voglia ad aspettare
Un tempo sognato che viene di notte
E un altro di giorno teso
Come un lino a sventolare
C’è un tempo negato e uno segreto
Un tempo distante che è roba degli altri
Un momento che era meglio partire
E quella volta che noi due era meglio parlarci
C’è un tempo perfetto per fare silenzio
Guardare il passaggio del sole d’estate
E saper raccontare ai nostri bambini quando
È l’ora muta delle fate
C’è un giorno che ci siamo perduti
Come smarrire un anello in un prato
E c’era tutto un programma futuro
Che non abbiamo avverato
È tempo che sfugge, niente paura
Che prima o poi ci riprende
Perché c’è tempo, c’è tempo c’è tempo, c’è tempo
Per questo mare infinito di gente
Dio, è proprio tanto che piove
E da un anno non torno
Da mezz’ora sono qui arruffato
Dentro una sala d’aspetto
Di un tram che non viene
Non essere gelosa di me
Della mia vita
Non essere gelosa di me
Non essere mai gelosa di me
(Ivano Fossati)

CORSI DI ASTROLOGIA UMANISTICA CALENDARIO 2019/20

 

Segui la Pagina Facebook Sentiero Astrologico   

Fonte : https://www.sentieroastrologico.it/un-giorno-in-piu/

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.