l'alba del sesto sole

ECLISSI DI LUNA E DISINCANTO -27 LUGLIO 2018 di Alessandra Barbieri

| 0 commenti

I pianeti si stanno predisponendo ad una nuova potente e potenziata eclissi di Luna.

Partiamo ad analizzarla dal punto di vista astrologico per poi coglierne il profondo e significativo aspetto Spirituale.

La Luna che viene oscurata dal Sole è anche congiunta a Marte ed entrambe le posizioni quadrano Urano.

Irrequietezza e sventatezza sono le caratteristiche di questo transito. Non si tollerano le critiche tendendo ed esplodere al primo attacco, vedendo negli altri il nemico da cui difenderci.

Non solo l’altro, ma anche le situazioni rischiano di essere viste castranti, quindi un lavoro, un matrimonio, una casa, un figlio ecc.

Tutto a spingerci a rompere, a fuggire a esplodere a non farcela più e quindi a creare quella rottura che ci fa intravvedere la libertà.

Il Sole che si oppone alla Luna ribelle è però congiunto al Nodo, e sia Sole che Luna vengono dolcemente istruiti da un benevolo Saturno che mostra loro la gabbia nella quale ci si è inseriti con le proprie scelte e che non possono essere così facilmente rinnegate.

La sventatezza è un aspetto umano non privo di conseguenze: le scelte fatte quando si è al limite, con la spinta marziana che infuoca le decisioni spesso generano un incastro ancora maggiore rispetto quello dalla quale ci si voleva liberare.

L’illusione di liberarsi da un problema allontanandosene è l’aspetto chiave di questa eclissi: la sfida è trovare la nostra libertà dentro la nostra responsabilità. Ogni volta che facciamo finta di non aver generato un danno con il nostro comportamento creiamo un nodo e questo nodo ci impedirà di proseguire nel nostro percorso finchè non è stato sciolto. Purtroppo però molte volte si tenta di fuggire da un nodo creando altri nodi dovuti alla necessità di ricucire gli strappi che abbiamo creato con le nostre decisioni e così il nodo non sarà più uno ma cinque… che poi diventeranno venticinque nell’arco di breve tempo a causa dello stesso meccanismo e così via.

Ecco che nel tempo ci vedremo incastrati in un reticolo di nodi che magari chiameremo “maledizione”…non ricordando che l’abbiamo generata noi.

Saturno, Plutone, Venere e Mercurio ognuno con il suo particolare linguaggio ci spingono a “vedere” veramente oltre l’apparenza e a calmare gli Animi infuocati, molti potrebbero subire un contraccolpo di arresto a causa del velo che cade spingendoci a vedere la realtà con lenti meno distorsive: siamo noi che siamo attaccati a quell’aspetto vittimista e castrante.

Quali sono le profonde paure che ci fanno scattare all’attacco difensivo?

Contro mamma, papà, fratello, moglie, figlio, amico, collega, Stato,  fidanzato, ombra del fidanzato, amore e infine perchè no: Dio.

Il nodo ci suggerisce che la paura che emerge con questo transito è generato dalla Superbia e quindi dal mancato riconoscimento: OGNUNO DI NOI NELL’INTIMO VUOLE ESSERE IL FIGLIO PREDILETTO!

Ma una volta una Maestra mi disse: perchè pretendi di essere migliore dei tuoi fratelli? Tu sei come loro! Sii umile e Dio sorriderà perchè ti riconoscerà come sua figlia.

La nostra pretesa di essere unici spesso ci porta a scontrarci con gli altri perchè l’immagine che loro ci proiettano è proprio il contrario: sei come gli altri, anzi magari meno. E perchè attraggo situazioni che mi mostrano che sono meno degli altri? Forse voglio essere migliore?

IL DISINCANTO

Grande tema di questa profonda Eclissi che ci spoglierà di ulteriori proiezioni se le permettiamo di farlo.

Il disincanto è il prodotto digerito della disillusione. La disillusione ci spinge ad essere demoralizzati perchè arrabbiati per una cosa che non si è avverata non si capisce perchè...

Il disincanto ci fornisce la risposta: perchè inseguivi quell’obiettivo? Era tuo o chi ti chiedeva da dietro le spalle di farlo? Contro o per chi stavi lavorando?

Come in ogni dottrina iniziatica che si rispetti le risposte sono sempre fornite da domande opportune.

Adesso facciamoci dare un suggerimento Spirituale dai Simboli Sabiani: il primo simbolo ci ricorda come siamo figli della precarietà dovuta alla Forza incontenibile della Natura, per quanto noi ci illudiamo di governare la Vita essa ha potere supremo su di noi, ogni nostra costruzione può essere spazzata via in un attimo e nostro compito è quello di saper reagire alla Vita, qualunque sfida essa ci sottoponga.

Il secondo simbolo è un monito a questi tempi: attenti a saper usare bene le Energie Spirituali, esse non sono governabili dalla Mente e per saperle gestire necessitano di una profonda disciplina.

Chiaro monito anche a chi si è risvegliato: non illudetevi che la via Spirituale sia facile e breve, i risultati si ottengono disciplinando in modo costante e cosciente la natuarale energia che alberga in noi.

Cominciamo a riflettere su questi aspetti e lasciamo che lavorino in noi. lasciamo che il ciclo lunare ci trasporti verso questa presa di coscienza. Prossimamente indicazioni per agire in modo da attivare più coscienza possibile.

Alessandra Barbieri

Fonte : https://astroscienza.wordpress.com/2018/07/03/eclissi-di-luna-e-disincanto/

La Luna
Federico Capone – Editore?pn=4652″ title=”Federico Capone – Editore” >Federico Capone – Editore
€ 13

Misteri Lunari
Nel folklore, nella favola, nel mito, nella scienza
Lindau?pn=4652″ title=”Lindau” >Lindau
€ 24

Loading…

 

 

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.