l'alba del sesto sole

COME EVITARE DI PERDERE ENERGIA NELLE SITUAZIONI E NELLE RELAZIONI NEGATIVE

| 0 commenti

E’ importante rimanere centrati in sé stessi senza lasciarsi trasportare dalle proprie tendenze negative o da quelle degli altri dato che altrimenti perderemo la nostra energia e senza energia non si raggiunge nessun obiettivo, senza energia non si risolve nessun problema. E con poca energia tutto procede molto più lentamente sia nel lavoro, nelle relazioni, nella crescita personale e nella guarigione fisica.

Riuscendo ad osservare le situazioni in cui ci sentiamo drenati di energia, dobbiamo quindi chiederci: dove e quando perdo e/o blocco inutilmente la mia energia?

interazione energia

Scambio equo di energia, entrambi offrono e ricevono energia

Comprendere come si muove la tua energia e l’energia degli altri che come tutti noi lottano per avere più di questa energia è un potente strumento per capire come agire e interagire con gli altri. Ogni interazione che avete con un’altra persona è uno scambio di energia. Durante queste interazioni voi e l’altra persona, potete dare e/o assorbire energia, prendere e/o perdere energia.

Avete mai avuto una conversazione con qualcuno in cui entrambi terminate con una sensazione di ottimismo e positività?In poche parole, quella persona ti ha dato energia e tu l’hai data a tua volta, cosicché entrambe le energie sono aumentate dato che quando si dona si riceve sempre di più.

Al contrario, quando si ha una conversazione con qualcuno e ti senti svuotato dopo, l’altra persona ha rubato la tua energia per sostenere la propria comportandosi come un vampiro energetico.

perdita di energia

Molti sono vampiri energetici senza accorgersene, ma noi sentiamo chiaramente quando l’altra persona cerca di dominarci e di ricevere la nostra approvazione, riconoscimento e giustificazione. Con questo tipo di persone, oltre ad evitarle se possibile, bisogna sviluppare un alto livello di assertività e porre dei confini dove all’altro non è permesso accedere.

Come evitare di bloccare o perdere energia

Vediamo come evitare di perdere la propria energia nelle relazioni e come evitare di bloccare la propria energia nelle situazioni che accadono nella vita.

1. Perdiamo/blocchiamo energia se non accettiamo lo stato di ciò che è. Se non sappiamo accettare le persone, le situazioni, i nostri sentimenti o il nostro passato stiamo bloccando la nostra energia in queste direzioni e quindi creiamo conflitti e tensione. Ogni tensione è alla fine una perdita di energia. tutto questo ci costa inutilmente molta dispersione. Con ciò creiamo conflitti e questi bloccano l’energia.

Questo psichiatra spiega con una bellissima metafora come i conflitti sia fisici che psicologici anziché essere soppressi possono diventare la migliore opportunità per migliorarsi a tutti i livelli

2. Perdiamo/blocchiamo energia se giudichiamo. Se separiamo, creiamo un conflitto e quindi una perdita di energia. La situazione è analoga a quella del punto 1. Ciò che giudichiamo, non lo sappiamo accettare. Il lasciar andare ha a che fare con la vita. Giudicare (separare) ha a che fare con la morte; ciò che è separato, non è intero. Ciò che non è intero, non può dispiegarsi. Non giudicare, invece, ha a che fare con l’unità, e l’unità ha a che fare con la vita. Tutti noi conosciamo un bell’esempio a questo proposito: l’uomo e la donna. Che cosa accade quando l’uomo e la donna si fondono in un’unità, quando la dualità maschile-femminile è superata? Nasce la “vita”! L’essere umano è in grado di creare una nuova vita, unendo e non dividendo!

3. Perdiamo/blocchiamo energia se abbiamo paura dell’insuccesso. La paura è una delle perdite maggiori di energia dato che quando si ha paura non si può evolvere, non ci può essere progresso, non può esserci gioia. Avere costantemente paura di fallire, di non essere accettati, di non rispondere alle aspettative non offre alcun vantaggio e allo stesso tempo non è piacevole. Aver paura significa trattenere; la vita non può più scorrere. Quanto più giudichiamo noi stessi, tanta più paura creiamo. E’ la paura di non corrispondere alle aspettative che noi stessi creiamo. E ancora una volta questo significa conflitto.

4. Perdiamo/blocchiamo energia quando facciamo paragoni. Chi paragona, normalmente giudica anche. La medicina ha constatato che i malati di cancro sono spesso persone che amano molto paragonare. Si paragonano costantemente con il loro ambiente e cercano di inserirsi in esso senza dare nell’occhio. Sono persone che cercano di non urtare nessuno. E questo li porta ad essere tanto normali da costituire un caso patologico. La medicina definisce questo normopatia. Cioè normalità patologica. Queste persone si paragonano talmente spesso agli altri, che la loro energia viene completamente bloccata. Quando il corpo non vede più altre vie d’uscita si fa sentire con il cancro e comincia a rompere il blocco. Ed eccoci di nuovo al tema vita (lasciar andare) e morte (trattenere). Non paragoniamoci mai ad altre persone, nemmeno ai nostri concorrenti. Noi siamo noi, e nessun altro!

5. Perdiamo/blocchiamo energia quando abbiamo sentimenti negativi. La repulsione è un’altra forma di attrazione. Quando ci arrabbiamo con un’altra persona, non solo diamo a quella persona un potere su di noi. Inoltre nell’avere dei sentimenti negativi c’è sempre una perdita di energia e anche la nostra salute psicofisica viene indebolita, motivo per cui non è un atteggiamento molto vantaggioso per noi. Molto utile in questo senso può essere la pratica dell’Ho’oponopono.

6. Perdiamo/blocchiamo energia quando lottiamo inutilmente. Sia che lottiamo per un obiettivo, sia che lottiamo contro lo stato di ciò che è, la lotta significa sempre irrigidimento; e costa inutilmente energia. Non significa che bisogna non avere obiettivi o non impegnarsi per raggiungere dei risultati, ma che possiamo ottenere dei risultati molto migliori quando c’è uno stato di accettazione interiore e di positività che si sta seguendo la propria passione e il flusso della vita. Molte persone, se osservate dall’esterno, vivono in uno stato interiore costante di lotta, lamentela, sforzo inutile che alla fine non portano risultati ammirevoli anche solo per il fatto che perdono un’occasione di crescita continuando a comportarsi in tal modo. “La mèta è il viaggio”.

7. Perdiamo/blocchiamo energia quando abbiamo dei sensi di colpa. Quando pensiamo di aver sbagliato questo o quello nel passato, abbiamo dei sensi di colpa che possono diventare così forti da creare enormi blocchi di energia. Un individuo in questa situazione, non sarà mai in grado di risolvere rapidamente e in modo ottimale i suoi problemi e raggiungere velocemente e con poco sforzo gli obiettivi prefissati. E questo succede perché è fortemente bloccato interiormente. I sensi di colpa, inoltre, causano in molte persone mal di schiena. E’ facile immaginarsi perché: la persona in questione porta sulla schiena un peso enorme. E con questo peso si trascina faticosamente nella vita. Tutta la posizione piegata del corpo esprime questa situazione. Ma tutto ciò non ha alcun senso: è come se caricassimo intenzionalmente alcuni quintali di pietre sulla nostra macchina, per procedere poi il più lentamente possibile. Quindi, liberiamoci il più presto possibile del peso inutile dei nostri sensi di colpa… se ne abbiamo. Immaginiamo di toglierci un enorme sacco dalle spalle e di gettarlo in un abisso. Si hanno sensi di colpa solo se si giudica il proprio passato.

Dobbiamo capire che non abbiamo mai davvero sbagliato, abbiamo solo commesso degli errori di percezione e di valutazione… e questo perché stavamo semplicemente imparando.

Leggi anche

Impara da Rumi le 25 lezioni cambieranno la tua vita

Le 7 regole di vita di Paracelso. Il più grande alchimista di tutti i tempi

Come la lamentela riprogramma il cervello verso ansia e depressione

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell’autore.Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
FONTE : https://www.dionidream.com/perdita-energia/

AUTORE

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, è un ricercatore nel campo del benessere bioenergetico e della crescita personale. Laureato con il massimo dei voti in ingegneria, si occupa di naturopatia, geobiologia e sviluppo del potenziale umano attraverso il risveglio dell’energia vitale e della coscienza.

 

Tutto è Energia
Strumenti di consapevolezza per il BenEssere: Fisica Quantistica, Ba zi (carta energetica personale) e Spiritualità
€ 25


Loading…

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.