Caroline Mary Moore

Il detto “la speranza è l’ultima a morire” deriva dal mito greco di Pandora che, disobbedendo, aprì il vaso, liberando il male nel mondo.

La speranza, in fondo al vaso, è stata l’ultima a morire, rendendola l’ultima risorsa a cui l’umanità si aggrappa per trovare la forza di far fronte alle molte avversità della vita.

Niente mi è più chiaro della consapevolezza maturata in questi due anni sul legame tra la speranza e la vitasolo una volta spezzati i loro legami può manifestarsi la metamorfosi della morte, sia essa metafisica o fisica.

Tutto, metaforicamente parlando, sta morendo proprio davanti ai nostri occhi e le implicazioni psicologiche, che tu lo riconosci o meno, sono così potenti che sembrerebbe che persone come te e me stiano vivendo un’enorme ondata di lutto, sia individualmente che collettivamente.

In Occidente è consuetudine accoppiare gli opposti Vita e Morte in questo ordine. Li invertirò mettendo la Morte come preludio alla Vita, o in senso spirituale – la rinascita.

Questa nuova prospettiva potrebbe risuonare profondamente mentre continui a leggere, proprio come ha risuonato con me quando ho appreso che il processo del lutto è potenzialmente un enorme catalizzatore per il grande risveglio/rinascita globale.

Morte e Vita non sono esperienze separate, sono facce opposte della stessa medaglia, di conseguenza, se stai vivendo un’emergenza spirituale, è naturale che devi lasciar andare ciò che sta morendo per completare il processo; quindi, forse è giunto il momento di considerare che stai attraversando le varie fasi del lutto e non te ne eri accorto!

Effettivamente, quando mi sento perso, riconoscere di essere vittima di un lutto non è il primo pensiero che mi viene in mente, tutto quello che riesco fare è riconoscere l’ondata di sconforto per aver perso i miei punti di riferimento.

È come nuotare in un oceano delle mie stesse emozioni, e le gambe diventano sempre più deboli mentre cerco di rimanere a galla in quelle acque turbolente ormai fin troppo familiari.

L’intera esperienza è estenuante a dir poco!

La verità è che quando sei costretto (dico costretto perché nessuno sceglie un’emergenza spirituale) a lasciare quell’abito (vita) familiare con cui ti sei identificato e che ti ha accompagnato fino ad ora, è molto probabile che attraversi le fasi del lutto, come chi ha perso una persona cara.

Non c’è altra opzione, perché la fenice rinasce dalle proprie ceneri.

Quando me ne sono accorto ho dovuto fare i conti con un personaggio molto scomodo, la “vittima”, quella ragazzina che voleva essere accompagnata per mano; confortato quando mi sentivo smarrita alla ricerca di fonti esterne per assicurarmi che tutto andasse bene, perché non importava quanta conoscenza accumulassi, sono sempre finito lì, in quell’oceano incapace di rimanere a galla senza che qualcuno o qualcosa mi lanciasse un salvagente.

Senza speranza, qualsiasi tentativo di rimanere a galla è impossibile, perché la speranza è la salvagente!

Ho sempre confuso la speranza con la fede, ecco perché la mia fede ha sempre vacillato. Per trovarlo ho dovuto lasciar andare quel salvagente chiamato “speranza”, solo al precipizio ho potuto percepire l’inizio della fede che sussurrava, qualunque cosa fosse successo sarei comunque sopravvissuto.

Il mio viaggio in salita è iniziato nel momento in cui mi sono reso conto che stavo combattendo con un senso di profonda perdita. Mi sono imbattuto, per caso, in un articolo sul classico modello a cinque stadi di lutto, divenuto famoso dopo la pubblicazione del libro “Sulla morte e sul morire” nel 1969 dell’autrice Elisabeth Kübler-Ross.

Improvvisamente mi sono sentito come se qualcuno avesse acceso la luce nella mia casa dove avevo vagato e inciampato nel buio per anni.

Il modello in cinque stadi è stato originariamente sviluppato per descrivere le persone con malattie terminali che affrontano la propria morte, ma è stato presto adattato come modo di pensare al dolore in generale.

Probabilmente li conosci già: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione, ma forse come me, non hai mai associato questo processo alla tua emergenza spirituale!

Le fasi sono solitamente presentate come un processo che si svolge secondo un ordine esatto, ma Kübler-Ross, nei suoi scritti, chiarisce che le fasi non sono lineari: nel senso che il processo è personale e soggettivo e non sempre avviene in un ordine particolare.

Dal 1969, lo sviluppo delle fasi del lutto è passato da cinque a sette stadi che risuonano particolarmente con un’emergenza spirituale: 1. shock e negazione: 2. dolore e colpa: 3. rabbia e contrattazione: 4. depressione, riflessione e solitudine: 5. la svolta ascendente: 6. ricostruzione ed elaborazione: 7. accoglienza e rinnovata speranza.

Primo Stadio – Shock e Negazione

Ricordo lo shock iniziale quando una serie di eventi mi fece uscire dal mio sonno automatico. La vita all’improvviso non era tutto ciò che avevo calcolato. Come fare una doccia ghiacciata in pieno inverno, mi sentivo congelata, sospesa, come se stessi trattenendo il respiro.

Piuttosto che negare ciò che stava accadendo, sono rimasto scioccato per quanto tempo avessi vissuto nella negazione, non riuscivo a capire come fossi stato così cieca di fronte a ciò che ora era così evidente. Questo mi ha lasciato destabilizzata, confusa, incapace di capire davvero cosa stesse succedendo.

Come è potuto succedere a me?

Fu un momento di profonda confusione. Le persone sembravano diverse, o ero solo io a cambiare? Mi sembrava di aver perso qualcosa, ma non riuscivo a spiegare la mia perdita perché all’esterno non era cambiato nulla!

Ho svolto la mia routine quotidiana con tre bambini piccoli su “pilota automatico” parlando, sorridendo, mangiando, dormendo come in un sogno, anzi, in un incubo dal quale non riuscivo a svegliarmi.

Come nel primo stadio del lutto, ho cercato, senza successo, di ripristinare la vecchia normalità, ma qualcosa era cambiato dentro di me. In questa breve fase iniziale della mia emergenza spirituale, una cosa divenne evidente molto rapidamente, la vita che avevo vissuto prima non sarebbe tornata.

Secondo Stadio – Dolore e Senso di Colpa

Anche questa fase è stata breve ma ha creato molto attrito soprattutto per chi mi circondava.

Come ho detto, qualcosa era cambiato o meglio, disconnesso. La spinta a reagire nei modi consueti è stata bruscamente interrotta non per scelta ma per obbligo, nel senso che non ho più potuto comportarmi nel mio solito modo “accomodante”.

Ciò significava che certi comportamenti che avevano nutrito le aspettative degli altri venivano improvvisamente sospesi, come tirare fuori una sedia comoda da sotto il sedere, cadevano a terra uno ad uno!

Frasi tipiche come: “Pensavo che questa roba spirituale servisse a rendere una persona migliore, non peggiore” erano una garanzia per farmi sentire in colpa come una bambina cattiva colta nell’atto di fare qualcosa di male.

Dolorosamente, l’ovvio mi stava schiaffeggiando in faccia: la maggior parte dell’affetto delle persone era chiaramente condizionato e sarei stata accettata solo se avessi mantenuta lo status quo.

Questa fase di vittimismo è durata fino alla realizzazione che sentirsi in colpa per sentirsi in colpa era il massimo dell’auto-flagellazione, che alla fine ha innescato un’esplosione di rabbia.

Rabbia e Contrattazione

Questa fase è durata anni. Era il tempo delle Crociate, dell’avvocato delle cause perse, del virtuoso salvatore, quando l’ego spirituale era al culmine in conflitto morale con l’ombra che era uscita di prigione su cauzione, godendosi in ogni occasione inopportuna possibile!

Tutta la rabbia che avevo represso per anni è esplosa come un vulcano in eruzione dopo secoli di inattività. Nessuno è stato risparmiato!

Il mio arsenale di guerra era la spada fiammeggiante della verità. Che ferisse o liberasse chiunque incontrasse la mia lama ardente, non era un mio problema. La verità doveva essere detta a tutti i costi e non mi importava quanti cadaveri avessi lasciato per strada.

Ho contrattato?

Io credevo di no eppure…

Nel lutto classico, la fase di contrattazione incomincia quando l’energia della rabbia inizia a placarsi. È lì in agguato, come il gatto che aspetta che ti alzi dalla poltrona calda per rubarti il posto.

Può sembrare che la angoscia e l’ansia si uniscano insieme mentre la mente cerca di lottare con la verità che qualcuno che ami è morto.

Lasciare andare la vecchia vita e andare verso una nuova normalità senza quella persona, è spaventoso e doloroso, perché andare avanti lo rende reale, in quanto tale, la fase di contrattazione è definita dalla lotta per ritrovare un senso di controllo sulla propria perdita.

In una prospettiva di emergenza spirituale, stiamo parlando della morte di una parte dell’ego.

In questo caso, cercando di dare un senso al doloroso passaggio dal bambino/a all’adulto, la contrattazione è il modo in cui la mente/ego controlla la paura dietro la perdita di una parte della propria identità infantile.

In altre parole, contrattare con te stesso o con l’universo è una strategia per controllare i termini della propria “morte egioco”. La mente cerca di alleviare (controllare) il dolore provato quando deve “lascia andare” l’attaccamento associato a una parte del passato di cui ha paura di non riuscire a sopravvivere senza.

Io non avevo capito questa fase.

Indossando una medaglia di virtù, ho fatto una solenne promessa di impegnarmi ad essere più centrata, più radicata, più meditativa, seguire più corsi, studiare di più e leggere più libri, e di conseguenza – essere una persona migliore; direi che ho contrattato e come!

Quarto Stadio – Depressione, Riflessione e Solitudine.

Per quanto mi riguarda questa fase è stata più breve della precedente, ma decisamente più dolorosa. È iniziato con un terribile incidente seguito da un profondo senso di impotenza e dalla paura che avrei potuto perdere gran parte di ciò che era fondamentale nella mia vita.

Ogni ideale e sogno che mi era caro è stato frantumato in un milione di pezzi, ed è qui che l’impulso di “andare dentro” e ritirarsi ha preso piede.

Voler stare da solo quando non puoi è probabilmente una delle situazioni più difficili da sostenere perché tutto diventa insopportabile.

Non sopportavo nemmeno me, potevo evitare gli altri ma sfuggire me stesso era impossibile, ed è stato in questo stato che ho imparato esattamente cosa significasse stare con il mio stesso dolore, che poi, mi ha portato a discernere la differenza tra sentirmi sola ed essere sola.

Non era un periodo di depressione clinica, ma la vita aveva sicuramente preso una sfumatura di grigio e nulla sembrava accendere la fiamma della passione o dell’entusiasmo.

Letargica è probabilmente l’aggettivo migliore per descrivermi. L’azione è stata sostituita con l’osservazione passiva. L’impulso di agire o forzare gli eventi si era dissolto portandomi a credere di aver fatto passi avanti per perdere la fede ancora una volta non appena qualcos’altro è andato storto, mandandomi a precipitare in un altro ciclo di rassegnazione mentre mi aggrappavo a ogni briciolo di speranza rimasta.

Ed è lì che ho finalmente accettato di non avere il controllo sugli eventi della mia vita!

Ho dovuto ammettere che non sono una persona speciale, ma normale come tutti, che ho sessant’anni e non ho raggiunto la metà delle mie stesse aspettative e che non sono sempre stata la figlia, sorella, amica, moglie e madre che tutti meritavano, e tante altre cose.

Scrivo questo senza rancore, senso di colpa o vergogna perché sto imparando ad accettare le cose che non posso cambiare, trovare il coraggio di cambiare le cose che posso e acquisire la saggezza per conoscere la differenza.

Quinto Stadio – La svolta verso l’alto

Il quinto stadio è quello in cui mi ritrovo oggi, adattandomi lentamente a una vita dopo la perdita: la perdita della mia identità e della persona che desideravo apparisse agli occhi degli altri.

Ciò che rimane è una sensazione palpabile di nudità. La paura di essere “visto” mi fa sentire così vulnerabile che fa male, come quando ti tagli il dito, il dolore è crudo, nel presente, ma è un dolore onesto, semplice, non complicato, molto diverso dalla sofferenza provocata dalle illusioni della mente.

Ovviamente la mia mente fa ancora tante domande pressanti come: “Cosa hai intenzione di fare? Qual è il tuo scopo? E la risposta è sempre la stessa” Non lo so “. Devo ammettere che non sapere nulla crea una strana sensazione di pace e anche piacere Lo consiglio vivamente!

Il sesto stadio del lutto è la ricostruzione e l’elaborazione, cioè, la ricerca di soluzioni pratiche e funzionali, quindi la ricostruzione di te stesso.

E infine, il settimo stadio è l’accettazione e la rinnovata speranza, che finalmente ti permette di andare avanti nella tua vita.

Non sono ancora arrivato al sesto e settimo stadio, ma oggi vedo chiaramente dove sono, le tappe che ho passato e dove andrò quando sarà il mio momento.

Conclusione

Non fatevi ingannare dalle persone che vogliono convincerti che un’emergenza spirituale è uno spasso, lasciate da parte gli arcobaleni e gli unicorni; credi mi, le apparenze possono ingannare!

Per quanto mi riguarda, percorrere il sentiero spirituale è stata, ed è tuttora, una delle esperienze più difficili e solitarie che mi ha spogliato di tutto ciò che un tempo credevo fosse sacro.

Famiglia, amici, lavoro, finanze e sicurezza sono stati sezionati, smontati e ispezionati al microscopio, perché come un vestito preferito che non ti sta più, o lo indossi con un senso di disagio o devi lasciarlo andare e magari andare in giro nudo finché non ne compri uno nuovo.

Non voglio chiudere con una frase rassicurandoti che il tuo percorso spirituale sarà colmo di gioia perché sinceramente non lo so.

Preferisco rimanere onesta e dire che sarà più probabile un viaggio simile al lutto – uno di perdita e ritrovamento.

Se hai bisogno di conforto, o di una dose di speranza, le mie parole possono suonare deludenti, ma lanciare un salvagente non era lo scopo di questo articolo, tuttavia, posso offrirti una famosa citazione di Winston Churchill:

“Se stai attraversando l’inferno, continua ad andare”.

With love & Compassion

Caroline Mary Moore

Fonte : https://www.dalleclissedellesserealmisterodelvuoto.com/2022/08/12/lutto-spirituale-solo-al-precipizio-senza-speranza-rinascerai-tu-punti/

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Lascia un commento