Come occidentali, viviamo in una società che favorisce l’efficienza, l’azione e la velocità di esecuzione. Tuttavia, quando contempliamo la natura al lavoro, ci rendiamo conto che crea tutto senza sforzo, con uno spirito di resa totale. In effetti, applica il principio di nessuna resistenza e minima azione e non si interroga su come raggiungere il suo obiettivo. Spinto da un’intenzione, agisce semplicemente. Il sole non sta cercando di brillare nel cielo, sta splendendo. L’albero non cerca di crescere, cresce. E il seme non cerca di germogliare, germina.

L’uomo, da parte sua, adottò un atteggiamento diverso, ritenne preferibile utilizzare stratagemmi e dispiegare sforzi titanici per conquistare nuovi territori. Così si è allontanato sempre più dalla natura, arrivando a calpestarla, e non vede più il carattere sacro che lo anima. Per rendersene conto, dobbiamo solo guardare allo stato dei nostri oceani … Mentre tonnellate e tonnellate di plastica galleggiano sull’acqua, ci si può chiedere fino a che punto può arrivare la follia umana … Fortunatamente, al giorno d’oggi, le nuove generazioni sono più sensibili all’ambiente e ci ricordano  l’importanza di prendersi cura del nostro pianeta. Prendendo esempio da tutti questi giovani,

Quando otteniamo questo, riguadagniamo il nostro vero potere di creazione. In effetti, proprio come la natura, possiamo creare tutto ciò che è vicino al nostro cuore e manifestare i nostri sogni e desideri nella nostra realtà, in modo naturale, senza lotta o implacabilità. Mettendo da parte il nostro ego e dando la priorità all’amore, alla gioia, alla benevolenza e all’armonia, attiriamo il meglio verso noi stessi, sia che si tratti di salute, abbondanza o di una carriera che corrisponde alle nostre qualità intrinseche.

Questo è ciò a cui mi riferisco quando dico che non ha senso esercitare sforzi enormi. C’è una notevole differenza tra volere e permettere. Il miglior esempio che posso darti riguarda lo scrivere i miei libri. Quando mi imbarco in un progetto del genere, non mi appello alla mia volontà, preferisco lasciare che il mio cuore e la mia anima si esprimano. Quindi, non ho l’impressione di lavorare, ma di condividere ciò che porto dentro di me, a differenza di quanto ho vissuto in passato.

Infatti, quando ero nelle forze armate, mi capitava spesso di lavorare ventidue ore al giorno. Ho quindi attinto il più possibile alla mia forza fisica e psicologica. Tuttavia, non sentivo di essere riuscita nella mia missione, ma piuttosto sentivo un immenso vuoto interiore alla fine della giornata. La stessa sensazione si è manifestata quando ho indossato per un po ‘l’uniforme di ufficiale di pace. Quando andavo a letto la sera, sentivo una totale stanchezza e un profondo disagio che mi facevano fare molte domande. “Quando potrò riposarmi? Mi sono chiesta in quel momento.

Oggi sono uscita da queste esperienze crescendo. E non vorrei riviverle! Dopo aver sperimentato sofferenze fisiche e morali, credo che la legge del minimo sforzo sia molto più efficace e benefica di ciò che la società ci offre. Mi ha portato a passare dalla difficoltà alla semplicità. Ha permesso alla corrente della vita di fluire attraverso di me. Così, le mie creazioni ora riflettono chi sono e mi offrono nuove opportunità di crescita, ogni giorno. – Valérie Tanguay

Estratto da https://www.femmeactuelle.fr/

Letto Su : https://pressegalactique.com/2021/04/20/la-loi-du-moindre-effort-la-cle-pour-elever-son-taux-vibratoire/

Traduzione a cura di Cammina nel Sole

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

 

Lascia un commento