La memoria emozionale è strettamente legata agli odori, anche se non ne siamo consapevoli.
Ogni emozione ha un odore specifico.
Hai mai sentito l’odore della tua paura?
Hai mai notato come la pelle profuma quando sei piena di gioia?
Anche gli odori corporei (alito, sudore, odori intimi) variano notevolmente in base allo stato emotivo e in base agli alimenti con i quali ci nutriamo.
Il senso dell’olfatto è una ottima bussola per percepire se siamo (o meno) nella verità del nostro sentire.
Le menzogne puzzano.
La verità sempre ha un odore che sentiamo “giusto”.
Forse ti sorprenderà pensare alla Vita in questo modo, tuttavia ti invito a riflettere.
Pensa agli animali, come essi sono sensibili, olfattivamente, molto più di noi umani…in base a ciò che sentono essi agiscono.
Osserva i neonati, essi rispondono subito agli odori di chi si avvicina a loro, piangendo quando non ricevono un profumo a loro gradito.
Abbiamo perso la capacità di “annusare”, sopraffatti dai profumi artificiali, ci siamo allontanati da una sana osservazione degli odori istintuali, i quali dialogano direttamente con il nostro cervello più antico.
Anche se non ne siamo consapevoli, tuttavia reagiamo istintivamente agli odori degli ambienti intorno a noi.
Se una casa è accogliente, fragrante, leggera, ci sentiamo a nostro agio, rilassati, accuditi.
Se una casa è intrisa di odori stantii, acri, ripugnanti, ci mettiamo in allerta e non vediamo l’ora di fuggire.
Questo vale anche per i corpi.
Se un corpo è profumato e accogliente in modo naturale, allora ci sentiamo “a casa” e possiamo avere fiducia.
Se un corpo è maleodorante diventa respingente e, a livello profondo, lo percepiamo come un pericolo.
Osserva i tuoi stessi odori corporei associati agli stati emotivi e agli alimenti che mangi…scoprirai un Mondo e potrai scegliere di cosa e come nutrirti (emotivamente e fisicamente).
Manuela Forte
Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

Lascia un commento