l'alba del sesto sole

LO STRANO MESE DI OTTOBRE 2020 – ONDA INCANTATA DELLA NOTTE BLU E MERCURIO IN SCORPIONE Di Stefania Marinelli

| 0 commenti

Sono nel cammino della Ricerca da quasi trent’anni, ma non mi ero mai trovata in acque così melmose come in queste ultime settimane.
Seguo lo Tzolkin da quindici anni, ma mai le Onde Incantate si sono fatte sentire nella crescente intensità in cui le sto avvertendo adesso. Una dopo l’altra, con i loro cicli di 13 giorni, incalzano il sentire, fino ad arrivare all’affanno assoluto. Kin dopo Kin, il cuore non riesce a gestire il peso, la fatica, le lacrime congelate che spuntano vergognose agli occhi. Non sono abituate a mostrarsi così facilmente. C’è una ritrosia di anni, c’è una timidezza innata che sto riscoprendo, un pudore che ho sempre cercato di nascondere, sempre rimasto lì, negato, inutilmente cercando di salvare l’innocenza perduta, la purezza della semplicità abdicata in nome dello sbandieramento del sapere, della conoscenza.
Tutto si sta destrutturando. Il mondo esterno sta cambiando a velocità supersonica, ci fa sentire smarriti e piccoli, ma questo accade solo perché stiamo facendo la stessa cosa dentro di noi. Posso finalmente permettermi di sentirmi piccola e smarrita, inutile, senza senso, senza scopo, rimanendo tuttavia centrata in ciò che accade, agendo le diverse parti che fanno a gara a farmi uscire di senno: la vittima, la frustrata, l’arrabbiata, la vilipesa, la dimenticata, la rifiutata.
Ci sono tutte. Ogni giorno ciascuna di loro si presenta a recitare la sua parte, e devo lasciarle fare, per conoscerle fino in fondo. Non cerco neanche di trovare sollievo nella meditazione. Sto. Mi concedo una camminata in spiaggia perché amo il sole e così respiro e lascio che il corpo si accomodi. Per il resto, sto con me, rimango in questo contatto profondo e mi lascio agire con quanta più libertà mi sia possibile.

L’ultima, drammatica, diretta è avvenuta lo scorso 28 settembre, quando è iniziata l’Onda della Notte Blu, lo stesso giorno in cui Mercurio, governatore dei 5 sensi, entrava in Scorpione. Sia la Notte Blu che lo Scorpione risuonano a frequenze che mettono in contatto con il Profondo, con l’Inconscio. Oggi siamo appena all’ottavo giorno dell’Onda e mi sembra di starci dentro da una vita intera. Un giorno dura una vita, durante la quale sperimento infinite sfumature emozionali negative e dense (queste sono qualità, non giudizi). Sono molto contenta di avere l’occasione di farlo, perché mi sto conoscendo come mai mi era accaduto finora. Mi sono aperta il cuore in due e sto andando dentro come se fossi un’anguilla, e penetro dentro gli interstizi sconosciuti e sondo territori alieni. A volte mi chiedo se questa vita basterà per permettermi di sentire l’amore, se riuscirò mai a sentire qualcosa dentro il cuore.

L'Atomo dell'Amore
Alla scoperta della Fiamma Gemella
€ 25,00

E’ talmente intimo quello che sto scrivendo che me ne vergogno, ma come posso non raccontare di questo processo in corso d’opera? Lo faccio perché sono sicura che tanti altri ne sono immersi e magari non sono così avvezzi ai propri inferni come lo posso essere io. Ho una certa esperienza di percorsi alchemici in cui incontrare i propri mostri lasciandoli essere. Non è piacevole per niente, ma se non si va loro incontro, questi prenderanno sempre il sopravvento in ogni circostanza.

Questo è l’aiuto che ci sta fornendo Mercurio in Scorpione. Ogni cosa accade sincronicamente affinché ciascuno arrivi denudato alla fine dell’anno, per ripartire con altri parametri. Dunque entriamo nel tunnel e lasciamoci lavorare dall’Amore. Esso ci spingerà al limite, ma se non sperimentiamo fin dove possiamo spingerci, come compiere il famoso salto verso il senso di unità interiore?
Il giorno del Kin 190, Cane Bianco Galattico, si sta concludendo. Il suo significato letterale è: vivo l’integrità dello stato di coscienza di un amore puro di fedeltà a me stesso e ai miei sogni. Nonostante tutto il dolore che mi è costato attraversarla, alla fine della giornata i doni ricevuti sono stati immensi. Mi sento tornata in me. Credo di aver compiuto un grande passo, infinitesimale.
In lak’ech!
Stefania Marinelli
Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

Grazie...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.