l'alba del sesto sole

LUNA CONGIUNTA A LILITH IN AQUARIO NEL GIORNO DELLO SPECCHIO BIANCO LUNARE, KIN 158 – INCONTRA IL TUO DOPPIO E FACCI PACE

| 0 commenti

Siamo di nuovo sotto la forte spinta della Luna Nera, simbolo dell’inconscio custode di tutto ciò che non riusciamo ad affrontare. L’ombra della Luna si trova in Aquario dal 26 agosto 2018 e ci rimarrà fino al 02 maggio 2019. L’ultimo Segno d’Aria contiene valori che spingono l’animo ad abbattere barriere e confini, spingono al nuovo, a liberarsi da antichi gioghi per seguire con forza e veemenza visioni alternative della realtà. Quando Lilith transita qui, essa comincia a rimescolare le emozioni inconsce connesse con il passato infantile, portando a galla la tematica materna, affinché ciascuno costruisca un sentiero di autonomia, anche se attraverso la sofferenza.
Lilith rappresenta la fatica di stare in un posto perché diventa tossico; essa nasce in un nido scomodo e non c’è vita per lei lì. Così si ribella e rinuncia a tutto per se stessa. Però si ribella alla Fonte, al Creatore, così il suo Archetipo è un potente Io Sono, ma passa per un fortissimo atto di disubbidienza, che costringe alla solitudine, al biasimo e al giudizio.
Seguo da anni un alchimista di Marradi, il Dott. Martino Giorgini, da cui ho preso l’associazione del meridiano dell’Aquario con l’asse Milza/Pancreas, che Giorgini collega con il lato femminile. Per quanto mi riguarda lo trovo estremamente pertinente.
Yoga Journal Speciale Meditazione n.2 - Laboratorio di Mindfulness
Tantissime pratiche creative
€ 6,90

In tutti questi passaggi assai delicati della transizione tra 2018 e 2019, occuparsi delle situazioni inconsce più dense come quelle riguardanti la relazione con il materno è fondamentale. Lilith in Aquario riapre la ferita e i transiti planetari nel Segno portano un balsamo di guarigione.
Nei giorni dell’Equinozio è stata la volta di Venere, che si è congiunta all’Ombra della Luna il 22 marzo, rendendo molto efficace l’ingresso dentro le antiche dimensioni interiori dei nostri bisogni, attivando modalità intuitive su come soddisfarli. Venere e Lilith congiunte hanno aperto uno spazio in cui era possibile iniziare ad accettare il non visto, il non detto, la parte più buia. E’ stato un incontro intenso con se stessi, la comprensione dell’origine di molte reazioni e comportamenti compensatori.
Adesso è il turno della Luna, che transita in Aquario tra il 31 marzo ed il 01 aprile, toccando stamattina alle 10 circa la congiunzione precisa con la propria Ombra.
La Luna rappresenta il senso di appartenenza ed il rispetto necessario da garantire al clan per mantenere l’appartenenza. Lilith è esattamente l’opposto, lei è l’esclusa, fuggita dalle leggi del clan, lei è l’esule, che ha preferito la dannazione ad un’esistenza di sudditanza ed obbedienza.
Sincronico il fatto che entrambe entrano in congiunzione nel giorno del Kin 158, Specchio Bianco Lunare, che apre alla dimensione del Riflesso. La Luna gioca proprio su questo. Il Tono Lunare nello Tzolkin rappresenta la dualità, la scissione, la separazione affinché la realtà sia creata nel confronto tra un polo positivo ed uno negativo, nello scaturire di un cortocircuito che attiva una scintilla che rende possibile la Vita. Per vivere qui sulla Terra ci separiamo. Come viviamo la separazione? Quante scissioni interiori si sono formate in noi? Possiamo aprirci a tornare integri?
Una Sedia per l'Anima

Voto medio su 3 recensioni: Buono

€ 19,00

Quindi tutta questa giornata ci serve per vedere nella superficie cosa emerge: cosa ci raccontiamo, quali aspetti mostriamo e quali aborriamo, quanto ce la raccontiamo, quanto non riusciamo ad ammettere di avere torto, quanto orgoglio ci separa dagli altri. Esso è frutto del divario interiore, dell’enorme conflitto dell’amore mancato, che ci ha reso sterili, chiusi, sulla difensiva. Abbiamo preferito rinunciare all’amore piuttosto che combattere per esso, piuttosto che coltivarlo come una rigogliosa pianta piena di fiori. Accettiamolo. Mettiamoci davanti a questo senso di separazione. Guardiamo il doppio nello specchio, tendiamo una mano a prendere quel freddo in maniera consapevole. Ora abbiamo lo spazio per accogliere, per accoglierci. Possiamo tornare integri. Ce lo dobbiamo. Tutto il Cielo interiore lo sta chiedendo.
Oggi è una giornata di congiunzioni celesti/interiori:
Mercurio (il feto che sta per formarsi, i progetti) è congiunto a Nettuno in Pesci (16°/17°), la Grande Madre – diamoci una possibilità per gestire un nuovo inizio;
Plutone (l’occhio psichico, il potere della mente focalizzata) è congiunto al Nodo Lunare Sud (la valigia del karma da svuotare) in Capricorno (23°/22°) – prendiamo l’occasione per comprendere cosa ci ha finora tirato indietro dall’essere ciò che siamo, dalla possibilità di prendere l’amore.
A ciascuno il proprio percorso dentro il Riflesso. Potrebbe essere una giornata molto interessante.
In lak’ech!
Stefania Gyan Salila
Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.