l'alba del sesto sole

NON E’ COMPITO TUO AFFRONTARE IL DOLORE DEL MONDO di J.Orloff

| 0 commenti

 

Gli empatici e le persone sensibili hanno un cuore aperto. Non hanno la stessa protezione emotiva che hanno molti altri. Sentono il dolore delle persone, sia i propri cari che gli estranei, e istintivamente vogliono portarglielo via.

In questo momento, stiamo attraversando un periodo estremamente difficile. Molti dei miei pazienti empatici stanno soffrendo tremendamente per l’enorme sofferenza e paura che si manifestano nel mondo. Questo rende loro e tutte le persone sensibili particolarmente vulnerabili a sopraffazione, esaurimento e ansia. Soprattutto quando a molti di loro è stato insegnato che essere compassionevoli significa che è compito loro rimuovere il dolore degli altri.

Questo non è vero. Puoi mantenere uno spazio di supporto per qualcuno senza assorbire la sua angoscia nel tuo corpo. Trovare questo equilibrio è l’arte della guarigione. Dentro di te puoi dire: “Questo non è il mio fardello da portare”. È impossibile aggiustare qualcuno e provarci quando  non sono affari tuoi . Più di vent’anni di attività medica mi hanno insegnato che ognuno merita la dignità del proprio percorso.

Detox Emozionale
Il metodo per riequilibrare le emozioni e portare gioia nella vita

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 16,50

Ecco alcuni suggerimenti da Thriving as an Empath: 365 giorni di cura di sé per persone sensibili per diminuire il livello di stress e trovare il proprio centro, anche in mezzo all’incertezza e al caos.

  1. Pratica la respirazione profonda per espirare lo stress
  2. Limita l’esposizione alle notizie
  3. Non lasciare che gli altri alimentino il tuo panico. Anche se stiamo attraversando un periodo spaventoso ora, il panico non è la chiave di nessuna porta. Quando ti senti in panico, respira profondamente, medita per alcuni minuti per centrarti e concentrati sul sentirti al sicuro nel presente.
  4. Se noti che stai assorbendo lo stress o il dolore degli altri, prenditi del tempo da solo per riorganizzarti e rigenerarti.
  5. Non entrare in modalità vittima. Cerca di vedere le lezioni che puoi imparare dal caos e dalle crisi piuttosto che sentirti solo vittima.
  6. Rimani nell’Adesso. L’unico modo per superare tutto questo è un giorno alla volta. Cerca di fermarti quando la tua mente è catastrofica per il futuro.

Molti empatici sono abituati a prendere le distanze socialmente come parte della loro vita quotidiana, quindi potrebbe essere necessario meno tempo per abituarsi rispetto ad altri. La Terra non è solo un regno di dolcezza e luce. C’è una grande oscurità qui e anche una grande sofferenza. La nostra intenzione, come persone sensibili, non è quella di diventare martiri e vittime, ma cercare di convocare tutta la luce possibile per aumentare la luce nel mondo e superare le tenebre con amore. Ciò richiede fede e una forte convinzione nell’amore: possiamo farlo tutti insieme.

Pratica questa intenzione da Thriving as an Empath :
Posso essere compassionevole senza diventare un martire o assumermi il dolore di un’altra persona. Posso rispettare il processo di guarigione di qualcuno senza cercare di “aggiustarlo”.

Judith Orloff

(Estratto da ” Thriving as an Empath: 365 Days of Self-Care for Sensitive People ” di Judith Orloff, MD)

Fonte : https://spiritlibrary.com/dr-judith-orloff/it-s-not-your-job-to-take-on-the-world-s-pain

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Loading…

 

Grazie...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.