l'alba del sesto sole

NON TEMERE DI PERDERE CHI NON TI VALORIZZA

| 0 commenti

Appena abbiamo qualcosa siamo assaliti dalla paura di perderlo. È normale, ci spaventa l’idea di perdere ciò per cui abbiamo lottato, ciò che conosciamo e con cui ci sentiamo relativamente a nostro agio. Quando abbiamo trovato un equilibrio vogliamo mantenerlo, e ci rende ansiosi pensare che qualcosa possa cambiare.

Ma la paura della perdita può anche apparire in situazioni che potremmo classificare negative perché non apportano nulla o addirittura ci danneggiano. Questo è dovuto a tre fattori: la nostra tendenza ad afferrarci all’equilibrio raggiunto, la nostra resistenza al cambiamento e il timore dell’incertezza che implica il nuovo.

Queste sono le principali ragioni per le quali spesso ci aggrappiamo a relazioni interpersonali che ci danneggiano, al di là della storia che possiamo avere in comune e dei legami emotivi che ancora persistono.

Quando l’unica ragione che mantiene il legame è il passato

La vita è un percorso, lungo il quale incontriamo molte persone. Con alcuni stabiliremo relazioni più strette basate su legami emotivi profondi. Tuttavia, le esperienze vissute e il passare del tempo possono indebolire questi legami, al punto che la relazione perde il suo significato.

In questi casi, non dovremmo temere di perdere le persone con cui non abbiamo praticamente punti in comune, persone che hanno smesso di ascoltarci anche se ci sentono e hanno smesso di completarci a livello emotivo. Infatti, in quei casi ciò a cui ci aggrappiamo è solo il ricordo, non la persona in sé, perché non ci sono punti di contatto, non c’è una prospettiva per il futuro, né un legame emotivo soddisfacente.

A volte siamo refrattari a rompere il legame semplicemente perché non vogliamo accettare che siamo cambiati, o che l’altra persona è cambiata, al punto che non c’è più nulla che ci unisce. Ma dentro di noi percepiamo la scarsa qualità di quel vincolo, il vuoto emotivo che rimane perché non ci sono più attenzione e affetto.

Certo, queste situazioni non sono facili da assumere, perché di solito c’è una storia in comune. Ma la verità è che il passato non è un motivo valido per restare legati a persone che hanno smesso di valorizzarci e non si considerano fortunate di averci accanto.

Nel tempo devi imparare ad amare di più, ma meno persone

Nel corso degli anni diventiamo più selettivi, siamo più consapevoli dell’importanza del nostro tempo e decidiamo con chi vogliamo condividerlo. D’altro canto, le esperienze di vita mettono alla prova anche le relazioni più strette, quindi iniziamo a valorizzare di più chi rimane al nostro fianco e soddisfa davvero e volentieri i nostri bisogni emotivi.

Naturalmente, prima di rompere i legami di solito passiamo attraverso un processo in cui spesso sorge il senso di colpa per le persone che ci siamo lasciati alle spalle. In realtà, non dovremmo incolpare nessuno, le relazioni si creano quando ci sono interessi comuni e si rompono quando smettono di soddisfare i bisogni emotivi. La scelta più costruttiva è lasciar andare coloro che non si sentono più legati a noi e fare tesoro dei momenti felici passati insieme.

La vita è un movimento costante, anche le relazioni fluiscono e cambiano. Ma se guardi troppo a lungo dietro di te concentrandoti sulle porte che si sono chiuse, non riuscirai a vedere le porte che si aprono davanti a te.

 

Fonte : https://www.angolopsicologia.com/2018/01/perdere-qualcuno.html

Pagina : https://www.facebook.com/Angolo-della-Psicologia-266282243392994

Immagine : https://lamenteemeravigliosa.it/la-delusione-parte-della-vita/


Loading…

 

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.