l'alba del sesto sole

PARLARE DA SOLI : UN’ ABITUDINE TERAPEUTICA

| 0 commenti

 

Parlare da soli a voce alta sembra una cosa da pazzi, così come avere un dialogo interiore con se stessi per attenuare la tristezza e le preoccupazioni. In realtà, si tratta di abitudini molto terapeutiche, perché la comunicazione con se stessi è vitale, catartica ed emotivamente necessaria per soddisfare i propri bisogni.

Aldous Huxley diceva che c’è solo una piccola parte dell’universo che possiamo conoscere e migliorare, qualcosa che ci appartiene: noi stessi. Tuttavia, per quanto possa sembrare curioso, non sempre dedichiamo a noi stessi l’attenzione che meritiamo. Ci trascuriamo come chi dimentica il suo diario personale nel cassetto, come chi lascia le chiavi di casa nelle borse altrui.

Secondo gli psicologi, tutti facciamo uso del dialogo interiore, ma nel peggior modo possibile. Un esempio, Ethan Kross, celebre esperto di psicologia emotiva e docente presso l’Università del Michigan, si è reso conto che l’essere umano è irrimediabilmente propenso all’auto-dialogo negativo.

L’ha capito una mattina mentre era intento a guardare lo schermo del suo telefono. Stava attraversando le strisce pedonali, ma non aveva visto che il semaforo era rosso. Dopo aver schivato un macchina che stava per investirlo, si è sorpreso a rimproverarsi a voce alta per la sua stupidità.

La maggior parte di noi lo fa. Quando qualcosa non va come ci aspettavamo o quando commettiamo un errore, la nostra coscienza si fa sentire a voce alta rimproverandoci per la nostra stupidità o inutilità. Il problema è che un dialogo negativo persistente spinge le persone a ritrovarsi in gravi condizioni di vulnerabilità e a sprofondare pericolosamente nell’abisso della depressione. Bisogna evitarlo, bisogna cambiare discorso!

Bambina dorme su un pesce

Parlare da soli: il segreto della buona salute

Il professor Ethan Kross, citato in precedenza, ha condotto una serie di esperimenti presso l’Università del Michigan ottenendo risultati interessanti e utili: le persone che parlano da sole e che iniziano la conversazione con se stesse chiamandosi per nome hanno più successo nella vita, mostrano una maggior sicurezza personale e si percepiscono come persone più felici.

Magari a prima vista potrebbe sembrare una cosa un po’ ingenua, ma parlare con se stessi ha un beneficio che non possiamo sottovalutare: il cervello funziona molto meglio, affina la capacità di percezione e riesce a gestire in maniera adeguata la dimensione emotiva. Non sottovalutiamo il dialogo interiore, apporta molti benefici avvalorati dalla scienza e sono diversi gli esperti che approfondiscono l’argomento nei loro studi.

Continuate a leggere per saperne di più.

Il dialogo interiore migliora la capacità cognitiva

Parlare da soli non ci rende più intelligenti da un giorno all’altro, a migliorare è la nostra capacità cognitiva. In altre parole, potenziamo la nostra attenzione, la nostra capacità di riflessione e la presa di decisioni, miglioriamo la concentrazione e riusciamo a tenere a bada le distrazioni.

 Condividere

Una cosa così semplice come dirsi “Bene Maria, concentrati di più e pensa a cosa puoi fare per risolvere questo problema” oppure “Carlo, stai perdendo tempo inutilmente, calmati e rifletti su quello che sta succedendo” è un modo per migliorare i processi cognitivi.

Donna si dipinge il volto

Parlare da soli migliora l’autostima

Ognuno di noi convive in un determinato ambiente con una serie di persone con cui va più o meno d’accordo. Tuttavia, al di là del contesto, le persone con cui viviamo davvero siamo noi stessi. Perché escluderci dall’equazione? Perché non stare da soli, prendersi un caffè o un tè e parlare di come vanno le cose?

Nessuno ci etichetterà come dei pazzi e chi lo fa si perde sicuramente una delle migliori tecniche di auto-aiuto e di crescita personale. Ecco qualche altro beneficio dell’auto-dialogo:

  • Parlare da soli consente di concentrarsi nel momento presente e di vivere le emozioni presenti per diventarne consapevoli, comprenderle, gestirle.
  • Il dialogo interiore è anche una potente fonte di motivazione, la più sincera, la più sicura e quella che non dovrebbe mai mancare. Anche nelle situazioni più difficili, niente dà più energia che dirsi: “Forza, Angela, è un brutto momento, ma non puoi arrenderti ora, coraggio!”.
  • Secondo un articolo pubblicato sulla rivista Quarterly Journal of Experimental Psychologyparlare a voce alta con se stessi attiva un “interruttore” nella corteccia cerebrale, quello legato alla coscienza dell’io. In questo modo, sviluppiamo un maggior controllo psicologico per pensare con maggior chiarezza e in maniera più efficiente.
  • Dando ascolto alla nostra voce interiore più calma e più sicura, riusciamo a vedere le cose dalla giusta prospettiva e a relativizzare i pensieri negativi e ricorrenti.

Ragazza vista di spalle

In conclusione, un dato che conviene avere ben chiaro riguardo ai benefici di parlare con se stessi è che saranno davvero effettivi solo se prima si impara a controllare il dialogo interiore negativo, ovvero quelle frasi del tipo “qualsiasi cosa faccia, le cose andranno male”, “hai sbagliato ancora, significa che proprio non ce la puoi fare”.

Evitiamo tutto questo. Nulla è peggio che diventare i peggiori nemici di noi stessi. Socrate, parlando dei pensieri, li ha definiti come la conversazione onesta che l’anima ha con se stessa. Facciamo quindi in modo di non maltrattarla, trattiamola come un bene prezioso e parliamole in termini positivi, costruttivi e affettuosi.

Fonte : https://lamenteemeravigliosa.it/parlare-da-soli-terapeutica/


Loading…

Grazie...

Condividi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.