l'alba del sesto sole

Quando il “FUOCO” ha perso la speranza…

| 0 commenti

image-large-b49x8d1fw3

 

Se l’ elemento fuoco gira nel corpo, non è possibile sentirsi depressi.

Se il fuoco brucia, anche se abbiamo mille problemi con partner , lavoro, figli, famiglia, casa etc…. non c’è posto per la depressione. Anche Jung alludeva ad una simile relazione tra la terra e il fuoco, quando si riferiva alle “ombre” della personalità

Il fuoco è un solutore di problemi, anche se nessuno ama il fuoco quando si infuria, ci vuole proprio una certa dose di giusta indignazione o di passione o di calore per sentirsi abbastanza motivati e potenti per operare dei cambiamenti che faranno la differenza nella nostra vita.

La depressione sopraggiunge quando il fuoco ha perso la speranza… Ciò che vogliamo in fondo è far salire il fuoco dalla brace sotto la cenere, perchè al di sotto della tristezza di fingere che non ci interessa niente di niente o siamo indifferenti a qualcuno o qualcosa che ci ha ferito, si cela molta rabbia, di solito quella seppellita nel pantano della mancanza di speranza, della irrimediabilità…

Certo ci sono sempre delle ragionevoli motivazioni per avere emozioni tristi, ma nonostante quelle ragioni se il fuoco circola, se si mette in movimento, esse non possono persistere. L’energia che deriva da questo movimento da il senso che i problemi possono essere affrontati e questo è il primo passo per uscire dai buchi neri emotivi.

Chi sa di avere un cattivo carattere, può spaventarsi del fuoco, perciò potrebbero pensare di fare un favore al mondo nascondendosi nella tristezza, ma è un posto sbagliato rintanarsi lì, se la causa è rabbia negata.

Non aiutiamo il fuoco a maturare se rinunciamo ad apprendere e praticare rispetto, autodisciplina e tempismo appropriato, in una data situazione.

http://saluteolistica.blogspot.it/2014/05/la-depressione-arriva-quando-il-fuoco.html

La Via Sciamanica dei Quattro Sacri Elementi

Voto medio su 1 recensioni: Buono

I Quattro Elementi del Cambiamento

Grazie...

Condividi

Lascia un commento