di Vital Frosi
Amati!
Gli ultimi momenti di ogni essere umano, quelli che precedono la disincarnazione dell’anima, che erroneamente chiamiamo morte, perché l’anima è immortale, sono molto simili alla stragrande maggioranza incarnata qui su questo Pianeta Terra. Solo nei casi in cui avviene la morte improvvisa, negli altri c’è un certo tempo per la coscienza per rivalutare la sua incarnazione che si sta completando.
Pochi istanti prima della chiusura, la persona morente vede sul suo schermo mentale, tutta la sua vita dall’infanzia al momento presente. Come guardare il film della tua vita. Questi sono momenti rapidi ma sufficienti per rendere visibile l’intera storia della tua vita in questa incarnazione attuale.
È in questo momento che sente una pace confortante, o anche un orrore indescrivibile. Se ha guadagnato la pace in questo stato superiore della sua coscienza, sta già cominciando a intravedere scene di un mondo angelico. Questo gli dà una fiducia che non ha mai sentito prima. Tuttavia, se il film è horror, le immagini che seguono nella sua mente sono mostri e scene dantesche, che provocano una paura mai sentita nella vita corporea.
Ma è anche necessario tenere conto di un altro fatto importante, questo riportato da molti medici, infermieri e persino da familiari  che erano presenti accanto al letto di un paziente terminale. Invariabilmente in questi casi, ciò che è accaduto a colui che sta ponendo fine alla vita corporea, è lo stesso sentimento, soprattutto in relazione ai suoi atti e azioni.
In questo momento ciò che è più importante per lui, non sono i suoi beni, le posizioni che ha assunto, il potere che ha esercitato, né i viaggi o le feste a cui ha partecipato. Non importa se la tua squadra ha vinto molti campionati; se il successo è stato facile o difficile, legale o illecito; se la tua casa era semplice o un castello. Ciò che conta in quei momenti è quello che avresti potuto fare e non fare, soprattutto le buone azioni. Molto comune è provare un fortissimo rammarico anche per le piccole cose non praticate, come abbracciare i propri cari; dire che li amavi; dedicare un po’ del tuo tempo soprattutto ai figli come bambini; uno sguardo generoso a tua moglie o a tuo marito; un saluto ai tuoi vicini, amici o dipendenti. Comunque, tutto quello che avresti potuto fare e non fare.
Questi due stadi, anche se qui invertiti nel loro ordine, precedono il momento della disincarnazione. Entrambi portano conforto o angoscia disperata, mentre il tempo si esaurisce e non si può fare altro. L’anima che arriva a questo punto, già comincia a raccogliere i frutti delle sue semine durante l’incarnazione attuale, mentre  raggiunge la sua fine.
Poi la morte come si sa, arriva dolcemente, al punto che non ci si rende nemmeno conto che  si è disincarnati. Nessuno sente il momento esatto, nemmeno quelli che capiscono perfettamente come procede un tale processo. Potremmo paragonare il sonno. Non ti rendi conto del momento esatto in cui inizi a dormire. La morte non è diversa.
I minuti, le ore e i giorni che seguono la disincarnazione sono molto diversi per ogni anima. Ci sono anche situazioni totalmente diverse per ognuno, tutte secondo il modo di vivere vissuto prima della disincarnazione.
Questa parte è molto ben spiegata attraverso la codificazione dello Spiritismo fatta da Allan Kardec. Ma ci sono anche molte informazioni portate dagli “spiriti” disincarnati stessi, che si manifestano durante  i cerchi  medianici, sia nei centri spiritisti, nei centri di Umbanda, nelle stanze delle terapie quantistiche e in tanti altri momenti e luoghi.
La mia esperienza acquisita nella comunicazione con questi spiriti mi permette di parlare di infinite possibilità di ciò che accade all’anima dopo la disincarnazione. Ma ciò che conta veramente è che ognuno di voi ha ben delineato nella coscienza quanto segue: Non c’è nulla che si possa fare dopo la disincarnazione. Tutto è deciso qui, nella coscienza, mentre siamo incarnati.
Subito dopo la disincarnazione, l’anima si sente un po’ disturbata perché non sa che si è disincarnata. Ti vedi in un corpo, e allo stesso tempo, vedi il tuo corpo come se fosse qualcun altro. Poi vedi il tuo funerale. Cerca di comunicare con le persone, perché c’era tutto quello di cui parlano, compresi i loro pensieri. Ma nessuno presta attenzione ad esso. Comunque, questa confusione può durare per alcune ore, giorni o anni. Dipende da come ognuno capisce la vita prima di disincarnarsi.
Come ho detto qui, tutto è sequenza e conseguenza. Il pentimento è anche spiacevole compagnia nell’aldilà. L’anima dopo che si è disincarnata, comincia a ricordare la sua ultima incarnazione, dettagli per  dettagli, e riconoscendo le sue azioni che non erano finalizzate al bene e all’evoluzione, arriva un dolore inconsolabile, che può durare un breve periodo o anche secoli, anche se l’impressione di tempo è  diversa. In realtà è un senso del tempo, perché non è reale.
Dopo questo tempo, l’anima riceve l’opportunità di essere portata nelle Camere di Rettifica nelle Colonie Spirituali della Terra. Sostenuti, curati e guariti dal loro dolore, perché il corpo spirituale può ancora sentire qualche dolore del corpo fisico che aveva prima della disincarnazione, inizia nella piccola opera della casa, a dare aiuto a coloro che continuano ad arrivare in quella Colonia.
Anche così, i ricordi delle vite passate sono permanentemente nella sua coscienza, e sa che ha bisogno di reincarnarsi per completare o almeno seguire nella sua evoluzione dell’anima. Allora inizia la preparazione di un Nuovo Piano di Incarnazione, e questo Piano è la matrice che dirigerà tutto ciò che ha bisogno di vivere, sperimentare e cambiare nella vostra prossima incarnazione. Tutto ciò che è stato posto nel Piano arriverà in un certo momento della vostra prossima vita corporea. Pertanto, diciamo che nessuno scappa da se stesso, e che nessuno passa anche ciò di cui non ha bisogno.Non parlerò qui dell’anima degli incarnati che si compiacciono del male, perché ci sono certi livelli di coscienza che non lo attraversano nella tomba dell’aldilà. Sono anime così basse nella loro frequenza che non seguono questo sentiero. Vanno direttamente agli Umbrali Inferiori (Nota di Cammina nel Sole :qualcuno sa cosa sono?), o vengono rapiti da entità oscure subito dopo la loro disincarnazione. Questi sono ancora lontani dal passare attraverso il processo descritto in questo testo.
Ricordando che la Terra sta facendo una Transizione planetaria, lasciando, quindi, un Mondo di Espiazione e Prove, e diventerà un Mondo di Rigenerazione. Siamo nell’ultima incarnazione prima di questa Transizione. Pertanto, tutto è risolto ora. Quando si disincarna, ogni anima avrà il suo destino secondo la sua frequenza. Questa frequenza vibrazionale sarà il passaporto di ognuno e sarà definitiva perché il tempo si esaurirà. La Vecchia Terra è in ritardo. Nulla e nessuno può impedirlo, perché fa parte dei Piani Divini.
Sono Vital Frosi e la mia missione è l’illuminazione!
Traduzione a cura di Cammina nel Sole
Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Lascia un commento