di Judith Kusel

Poiché è prevedibile che si verificheranno molti sconvolgimenti, ciò richiede che ci prepariamo. E vorrei dare alcuni suggerimenti su come farlo.

Per contrastare lo shock che sperimenteremo, dobbiamo essere disposti a permettere che la verità sia e a permetterci di essere con la verità, indipendentemente dalle nostre circostanze. Se non resistiamo alla verità, le realizzazioni che porterà e tutto il tumulto interiore passeranno; se resistiamo, il dolore e la sofferenza persisteranno.

La scelta non riguarda tanto come evitare il dolore e la sofferenza, sebbene anche questo sia possibile. Piuttosto, la scelta riguarda la profondità e la durata della sofferenza che vogliamo sopportare.

Le verità condivise alla fine ci avvantaggeranno. Ci rimetteranno in contatto con la realtà. Rispondere proiettando o introiettando rimproveri non aiuterà nessuno.

È solo se resistiamo alla rivelazione che il nostro dolore e la nostra sofferenza persisteranno. Se li guardiamo come faremmo con un film, traiamo beneficio dall’apprendimento senza permettere al dolore di durare più a lungo di quanto non faccia naturalmente.

OK, mi sento sconvolto… Oh, fantastico! Scrissi anni fa: “I turbamenti sono un momento di massimo apprendimento. ”

La scorsa notte nel mio letto mi sono ricordata di aver perso il mio computer a gennaio. Il ricordo di questa perdita fu così opprimente per me, anche sei mesi dopo, che cominciai a tremare.

La mia reazione istintiva è stata di smettere di vivere questo ricordo perché non ne potevo più. Ma non l’ho fatto. Fui quasi sopraffatta dalla violenza della mia reazione a questo ricordo.

Questo è un aspetto delle cose. L’altro lato è che gli sconvolgimenti sono momenti di intensa emozione in cui possiamo imparare il più possibile su noi stessi. Comprese le cose che non ci siamo preoccupati di guardare.

C’è anche il lato purificatore dello sconvolgimento. Se permettiamo alle cose  di fare il loro corso, ci libereranno di un sacco di bagagli che ora possono essere scaricati.

Tuttavia, se, invece di osservare e imparare da loro, ci identifichiamo con loro e permettiamo loro di governare il nostro comportamento, allora iniziamo un processo che porterà dolore e sofferenza intorno a noi.

Per la maggior parte di noi, la nostra visione del mondo è il nostro principale meccanismo di coping. Sminuiamo e disprezziamo le persone che non ci piacciono e lusinghiamo quelle che amiamo.

Se lo facciamo, ci sono buone probabilità che ci adattiamo a una realtà esterna e interiore priva di amore. Diventa allora un cupo paesaggio interiore, come il declino di un dittatore in seguito alla perdita di una visione del mondo.

Sopravviverai alla perdita di una visione del mondo. L’hai adottata in primo luogo e ora ha avuto il suo tempo. Guarda e vedrai che adotterai una visione del mondo diversa abbastanza presto. A questo proposito siamo un po’ come i paguri. Come loro, cerchiamo conchiglie sempre più grandi.

Non dividiamoci dentro di noi perché resistiamo a tutto ciò che è vero nelle rivelazioni future, piuttosto che semplicemente ascoltare e accettare ciò che crediamo essere vero e rifiutare ciò che potremmo aver pensato.

Tutti gli altri intorno a noi faranno esattamente lo stesso. Come Franklin Roosevelt disse a Winston Churchill dopo Pearl Harbor: “Ora siamo tutti sulla stessa barca”…

Versione inglese: https://goldenageofgaia.com/

letto su : https://pressegalactique.com/2021/12/05/nous-sommes-tous-dans-le-meme-bateau/

Traduzione a cura di Cammina nel Sole

Se il mio sito per te è fonte di
crescita ed evoluzione
sostienilo con una donazione



Grazie

Lascia un commento