di Manuela Forte
Questi anni di disgregazione, destrutturazione, dissoluzione e scioglimento delle illusioni della Piccola Mente ci hanno trascinati in un luogo di Sé che io chiamo “non-luogo”, il quale si manifesta in dissociazione mentale per la maggior parte degli umani con relative conseguenze tradotte in dolori fisici, malattia e problemi di vari tipi in tutte le sfere della vita (soprattutto problemi relazionali in quanto ci si sente isolati, non compresi e fuori dal coro).
Per la mente cognitiva è estremamente difficile vivere l’esperienza della vita senza che vi sia un movimento interiore di proiezione, ossia cercare di immaginare cosa viene “dopo” senza appoggiarsi a ciò che è venuto “prima”.
Come metafora userò l’immagine della torta di mele la quale, per diventare “torta”, ha bisogno di un contenitore “stampo” che ne contenga il contenuto liquido che poi si densifica e diventa edibile mantenendo la sua forma.
La “vecchia energia”, ossia l’aver vissuto millenni guidati dalla mente inconsapevole vittima delle pulsioni istintuali appoggiate sulla memoria cellulare (res extensa secondo Cartesio), si sta dissolvendo nel processo cosmico di espansione e rivelazione di forze che sono infinitamente amorevoli, benevoli, funzionali alla trasfigurazione dell’essere umano in “Adam Kadmon”. Adam Kadmon fa riferimento all’umano divinizzato consapevole di esserlo e consapevole di aver scelto di essere al servizio dello Spirito (o, se volete, del Cuore Cristallino). Questa dissoluzione è la dissoluzione dello “stampo” che era il contenitore pre-formato della nostra esperienza individuale, che chiamiamo personalità. Questo comporta che la memoria cellulare deve rilasciare eoni di informazioni per permettere la trasformazione…questo processo viene definito Grande Purificazione.
Per ogni persona/individuo i “tempi di purificazione” sono diversi: possono durare anni, anche tutta la vita, ma è un processo inevitabile ed ineluttabile.
Dissolvendosi la forma-contenitore, viviamo una esperienza di caos, confusione, perdita dei punti di riferimento “solidi” che hanno costituito le nostre sicurezze. Crediamo di essere una torta di mele che non potrà diventare edibile perché non contenuta, si disperderà, diventerà inutile al movimento di nutrimento, morirà o si perderà nel vuoto senza speranza.
Ora, per poter trascendere le paure e le resistenze in questa fase del processo di Risveglio al Vero Sé, è necessario introiettare (ossia comprendere bene e sentirlo nel profondo del cuore) che ESISTE GIA’ una “forma contenitiva” che sa esattamente guidare la “torta di mele” a diventare edibile.
Per dirlo in altre parole, la parte di noi che possiamo definire Cuore Cristallino (Cristo Interiore) sa esattamente quale è la forma della nostra essenza e come essa si manifesta nella realtà fisica usando la personalità/ego per esprimersi. La peculiarità di questa NUOVA ESPERIENZA SENSORIALE E COGNITIVA, oltre che EMOZIONALE E SPIRITUALE, è che non possiamo vedere, toccare, sentire, udire la specificità di questa forma.
La Vita ci sta chiedendo di fidarci della infinita intelligenza dello Spirito Creatore che agisce ATTRAVERSO DI NOI, perché “noi” (ossia ogni individuo) è un avatar del Divino Architetto (Dio/Madre Divina) che si manifesta in miliardi di forme diverse. E’ l’Uno in moltitudini.
La Vita ci sta chiedendo di LASCIARE CHE IL PROCESSO AVVENGA DA SE’, si dissolve l’identità che credevamo di avere e si manifesta la VERA IDENTITA’, che è uno stampo con colori diversi, sensazioni diverse, mai definito, in costante mutamento espansivo. Ogni problema, ogni difficoltà, ogni blocco, ogni dolore sono sintomi che stiamo attraversando la Grande Purificazione.
Per comprendere al meglio questo concetto e non lasciarsi spaventare dalla entità (enorme) di ciò che accade, possiamo osservare un fiore. Esso cresce, cambia forma, momento per momento, per esprimere tutta la magnificenza della Vita che si fa in lui, attraverso lui, che diventa una generosa offerta di bellezza e fragranza. Il fiore non si aggancia emotivamente agli altri fiori, alle creature che lo incontrano…si lascia guidare e interagisce con ciò che ad esso si manifesta momento per momento.
Così noi stiamo diventando: dei fiori in crescita, trasformazione, espansione, pronti a donare i colori e profumi come devozione a Madre Vita…dobbiamo essere capaci di non agganciarci alle persone attorno a noi, siano essi partner, figli, genitori, amici cari…dobbiamo essere in grado di maturare la consapevolezza della transitorietà della esperienza della vita fisica e renderla una opera d’arte, colma di grazia e bellezza, liberando noi stessi e gli altri da pregiudizi, aspettative, condizionamenti vincolanti che bloccano il processo di Risveglio e Consapevolezza.
Non ci sono parole sufficienti o “giuste” per descrivere questo processo di liberazione e risveglio.
Il mio invito è quello di normalizzare ogni esperienza rimettendola in prospettiva conservando un ORIZZONTE AMPIO e mantenendo una forte connessione con il proprio CUORE.
Se ci perdiamo la connessione con il Cuore-Spirito, ci perdiamo nei meandri delle ombre generate da paura, distacco, separazione, preoccupazione che sono un prodotto della mente piccola che crede di essere isolata e non libera di espandersi.
Dedicare del tempo alla meditazione, alla contemplazione, allo studio delle conoscenze spirituali è, secondo me, fondamentale per mantenere la Bussola della Coscienza sulla Retta Via.
Ognuno ha la sua via, ma tutte le vie portano al Cristo Interiore che è la frequenza della Verità e della Vita.
Vi abbraccio, da cuore a cuore, con la consapevolezza che tutto accade nella perfezione del Grande Disegno Divino che noi, nella nostra ignoranza e visuale ristretta, non possiamo computare da qui (e per qui intendo dire il luogo della incarnazione).
Tuttavia, anche se non comprendiamo, possiamo fidarci del Grande Mistero di Madre Vita che sa e fa nonostante tutto…possiamo amare, possiamo usare bene il nostro pensiero, possiamo agire con gentilezza e rispetto…questo nessuno può togliercelo, mai.
Dio ci benedica e ci guidi, sono tempi di magia, sono tempi di Amore e di Trasfigurazione per chi ha occhi per vedere e orecchie per intendere.
Così è.
Manuela Forte
30 agosto 2021

Lascia un commento